Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 lug – Alice Tarquini, 32enne di Roma, ha perso un occhio dopo un vergognoso episodio accaduto lunedì sera nella capitale. La ragazza stava tornando a casa con la propria auto quando all’improvviso ha sentito una forte botta che le ha fatto perdere il controllo del veicolo, uscito fuori dalla carreggiata. E’ stata colpita al volto da un grosso sasso scagliato senza alcun motivo da un indiano irregolare. Un impatto purtroppo micidiale, che ha causato alla 32enne romana una grave frattura facciale e la perdita dell’occhio sinistro.

“Ero quasi arrivata a casa – ha raccontato la donna al quotidiano Leggo – Non mi sono resa conto di essere stata colpita da un sasso ma il mio viso è diventato improvvisamente una maschera di sangue. Il dolore che ha preceduto l’emorragia è stato lancinante. Ricordo solo di aver visto qualche istante prima la sagoma di una persona sul marciapiedi che inveiva verso le vetture in strada. Non ho capito perché, cosa fosse accaduto”. Quella sagoma era del clandestino che le ha lanciato il sasso, centrandola in pieno volto. “Ho pensato di morire – ha detto la giovane donna – E’ stato provvidenziale il passaggio di un’ambulanza con un medico a bordo che si è fermato per i primi soccorsi altrimenti chissà come sarebbe andata”.

Lanciatore di sassi seriale

Già, chissà cosa sarebbe accaduto. Perché probabilmente l’aggressore avrebbe continuato, in preda alla follia, a scagliarle addosso altri sassi, visto che aveva diversi massi e pietre acuminate ai suoi piedi. L’immigrato indiano si chiama Balbir Cumar, ha 42 anni ed è senza fissa dimora, senza lavoro e senza neppure uno straccio di permesso di soggiorno. Non potrebbe stare in Italia, dunque, eppure circolava tranquillamente per le strade della capitale. Oltretutto lo straniero ha una serie di reati alle spalle. Un uomo che così si è dimostrato per l’ennesima volta tutto tranne che raccomandabile, a tal punto che all’arrivo dei carabinieri si è scagliato pure contro di loro.

I militari alla fine sono riusciti a bloccarlo e arrestarlo. E il pm Mauro Masnaghetti ha chiesto l’immediata carcerazione del clandestino, convalidata dal giudice. “E’ già accaduto altre volte”, ha dichiarato il magistrato Maria Gasparri. Quindi lo straniero era recidivo, altre volte si era dato al lancio di sassi contro le auto in transito. Episodi sconcertanti che però non sono bastati a far sì che venisse espulso dall’Italia e rimpatriato. No, il 42enne irregolare era ancora a piede libero e adesso ha provocato la perdita di un occhio a una ragazza italiana.

Alessandro Della Guglia

2 Commenti

  1. Certo che a 42 anni fare queste cose è da mongoloidi. Povera Mamma Europa, invasa da questa feccia senza cervello.