Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 gen – Il Covid-19 non rientra fra le cause di morte che hanno provocato i maggiori decessi nel 2020, anche se lo scorso anno l’attenzione è stata focalizzata quasi esclusivamente sul Sars-Cov-2. Secondo quanto riportato dal portale Worldometers, ogni anno si stimano tra i 40 e i 50 milioni di aborti.

Non esiste solo il Covid-19: le principali cause di morte al mondo

Va precisato, come ricorda l’Organizzazione mondiale della sanità, che il Covid-19 è responsabile dell’aumento dei decessi per i malati già affetti da altre patologie. Persone cioè in condizioni di salute compromesse con malattie cardiache in corso, diabete e condizioni respiratorie croniche. Queste, contraendo il Covid-19, sono a maggior rischio di complicanze e morte.

Sempre secondo i dati riportati dall’Oms, le principali cause di morte sono associate a tre grandi temi: malattie cardiocircolatorie (cardiopatia ischemica, ictus), malattie respiratorie (broncopneumopatia cronica ostruttiva, infezioni delle basse vie respiratorie) e malattie neonatali. Il più grande killer del mondo è la cardiopatia ischemica, responsabile del 16% dei decessi totali sul pianeta per un totale di circa 8,9 milioni di decessi nel 2019 (mancano i dati 2020 che non dovrebbero discostarsi molto). La seconda e la terza causa di morte sono l’ictus e la broncopneumopatia cronica ostruttiva responsabili di circa l’11% e il 6% delle fatalità.

Quasi 500 morti al giorno in Italia per tumore

Ancora l’Oms stima poi che ogni due minuti un bambino muoia di malaria. Altra malattia che provoca molti decessi è il cancro: un insieme di circa 200 malattie caratterizzate da un’abnorme crescita cellulare, svincolata dai normali meccanismi di controllo dell’organismo. Su questa malattia i dati raccolti dall’Istat si fermano al 2016 e indicano 179.502 decessi attribuibili a tumore. I tumori in Italia rappresentano il 29% di tutte le cause di mote, dopo le malattie cardio-circolatorie (37%). Si può affermare che, mediamente, ogni giorno oltre 485 persone muoiono in Italia per colpa di un tumore.

Antonietta Gianola

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. In tanti posti nel mondo si muore senza che nessuno si chieda e scriva il vero perché. Quindi i dati mondiali valgono poco o nulla. Oltrettutto anche le cause di morte codificate sono ancora ben lontane dai motivi veri, primari che portano al decesso. Pensiamo p.es. ai tumori, nessuno vuole o riesce a saltane fuori.
    Il sino-virus 19 ha, tra le altre cose, sottolineato come la Sanità, non solo in Italia, sia nel caos a causa di estremismi diagnostici, terapeutici non compensati da nessun “estremismo” nella metodologia e ricerca preventiva a tutto campo. Ovviamente perché il sistema si sostiene sul dio denaro. Pensate se tutti morissero nel proprio letto… esauriti come una batteria.
    Adesso penso che tutti attendiamo il numero esatto dei defunti in Italia nel 2020, possibilmente suddivisi anche su base regionale (visto che ci hanno fatto una testa così con queste regioni del piffero); dati da confrontarsi con i medesimi quantomeno degli ultimi dieci anni, fornendoci pure la variazione del tasso di anzianità in percentuale.

  2. Ci vuole molto a capire che il problema del covid non è la mortalità (ridicola in confronto alla peste o alla spagnola), ma la saturazione delle terapie intensive (1 giorno costa come un 5 stelle a Tahiti) e le strutture sanitarie in genere? Se anche si salvassero tutti, il problema permarrebbe.

  3. La grande differenza con la pandemia di 100 anni fa è che loro fortuna i
    miei nonni NON avevano la Televisione …..
    Leggete cosa fecero , distanziamento , mascherine , nulla di diverso da oggi a parte il vaccino e alcune tecnologie che allora NON esistevano .

    Ma oggi abbiamo l’ ANSIOGENA TV , da un anno a tutte le ore parte la
    SUPERCAZZOLA Covid …

    La pandemia , blenaturata come fosse antani , con scappellamento , tapioca tapioca …

    Mi sono ridotto a guardare solo i canali History , Geo , nature , mia mancano Caccia e Pesca …..

    Il vero problema è la sanità .

    Mi hanno curato nel 2018/2019 in modo eccellente in Ospedale per una
    malattia grave …. OGGI ?? Non so se troverei un simile riscontro .
    Ed abito in una città un cui la sanità è efficientisssima ! Ma con un tasso di contagi SUPERIORE al gestibile .

    IIl primo step è un disastro , il mio medico di base …. ha la laurea in medicina (almeno spero) ma somiglia più ad un impiegato del comune …
    chiedi un certificato , ti da il certificato ….
    se hai problemi ? Ti spedisce al Pronto Soccorso !!! Ovviamente pieno ….
    ed oggi PERICOLOSO .

    Per fortuna la sanità PRIVATA , se puoi permettertela è , NON per il Covid , la soluzione .
    A proposito , perchè questo governicchio marxista NON coinvolge i PRIVATI ??? (domanda retorica , ovviamente) .

    Hanno DISTRUTTO la Sanità Pubblica perchè “CE LO CHIEDE L’EUROPA” e adesso hanno destinato 4 soldi dei miliardi CHE DOVREBBERO arrivare ad Ospedali etc. il resto andranno via in CAZZATE !

    Male Tempora .

Commenta