Il Primato Nazionale mensile in edicola

Como, 1 nov – Un gesto di solidarietà verso un immigrato nigeriano è costato molto caro ad una giovane donna di Como. I fatti si sono svolti nei pressi del supermercato Carrefour di viale Giulio Cesare, all’esterno del quale l’africano stazionava chiedendo l’elemosina. La donna decide di comprare un panino e regalarlo all’immigrato per poi dirigersi a piedi verso la sua auto. Ad un certo punto si accorge di essere seguita dall’uomo che sopraggiunge alle sue spalle e la afferra spingendola contro una rete metallica e trascinandola in un parcheggio dove viene consumata la violenza sessuale. Le urla disperate della donna vengono sentite da un passante che avverte le forze dell’ordine e fornisce la descrizione dell’aggressore. Arrivati sul posto gli agenti soccorrono la donna in evidente stato di shock trasportandola in ospedale e arrestando l’autore della violenza. 

Stupratore già espulso quattro volte

L’aggressore è un 31enne ex-richiedente asilo nigeriano senza fissa dimora con permesso di soggiorno scaduto nel 2016 e già destinatario di ben quattro provvedimenti di espulsione dall’Italia. A suo carico risultano anche precedenti penali per percosse e violazione delle norme sull’immigrazione.

Sul caso è intervenuto il segretario della Lega, Matteo Salvini, che ha commentato così la vicenda su Twitter: “La sinistra mi ha accusato di essere troppo duro, Conte ha cancellato i miei Decreti Sicurezza (dopo averli condivisi), poi leggi queste bestialità! Tolleranza zero, castrazione chimica, espulsione: serve fermezza, altro che Salvini cattivo, altro che accoglienza e porti aperti!”, ha scritto il leader leghista.

Lorenzo Berti

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Vada ad aiutare piuttosto uno dei tantissimi italiani, vecchi, soli e con pensione da fame al di sotto del limite della sopravvivenza quella buonista dei miei stivali.
    Dalle mie parti davanti ai supermercati vedo solo aitanti giovinotti, ben pasciuti e TUTTI immancabilmente con lo smartphone, altro che panino!!! A meno che…..
    Devo confessare che sono contento di quanto le è successo: so che questo è sbagliato e mi dispiace di provare questo sentimento, ma lo sento dentro.

  2. Tante volte un aiuto viene scambiato per una debolezza. Brutta roba. Da reprimere con forza, senza se e senza ma!

  3. un’altra di quelle che si è bevuta la favoletta del buon selvaggio…
    l’ennesima.

    dico…QUANDO capiremo?
    NON-SI-FA-ENTRARE,in paesi più o meno civili
    (come l’europa,l’australia,la nuova zelanda,il giappone,ecc)
    gente che arriva da buchi pieni di ignoranza e violenza?
    paesi dove la vita umana vale meno di quella di una zanzara,
    e dove la violenza è l’unica legge che conoscono?
    QUANDO?
    idioti senza cervello.

Commenta