Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 mar – Il commissario straordinario per l’emergenza, Angelo Borrelli, ha fornito i nuovi dati sui casi di coronavirus in Italia. “Il numero dei guariti di oggi è di 415, per un totale di 4.400. Sempre oggi sono stati registrati 4.480 positivi in più rispetto a ieri, per un totale di 33.190 casi. Di questi: 14.135 persone sono in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi, mentre 2.498 si trovano in terapia intensiva”, ha detto Borrelli. “Purtroppo oggi sono 427 i nuovi deceduti”, ha poi dichiarato il commissario della Protezione Civile. In totale in Italia sono 3.405 i morti, un numero spaventoso che supera quello della Cina dove finora sono state registrate 3.245 vittime.

Bambini positivi: nessuno è grave

I bambini positivi sono circa 300 in tutta Italia, ma nessuno è grave. Si deve sapere che fortunatamente non è un problema pediatrico”. A dichiararlo, durante la conferenza stampa della Protezione Civile, è stato il professor Alberto Villano, presidente della Società italiana di pediatria. Borrelli ha inoltre denunciato i deprecabili casi di abbandono di animali domestici verificatisi in Italia negli ultimi giorni, precisando che “non c’è possibilità di diffusione di contagio tra gli animali domestici e le persone”.

Valle d’Aosta vieta attività all’aperto

Intanto “gli studenti italiani potranno rientrare dall’estero e recarsi direttamente a casa, dove dovranno fare 14 giorni di isolamento. Un solo parente potrà andarli a prendere al rientro”, ha annunciato Borrelli. Nel frattempo la Valle d’Aosta, anticipando la probabile nuova misura restrittiva del governo, con un’ordinanza del presidente della Regione ha vietato l’attività motoria e sportiva sia a piedi che in bicicletta. Mentre lo spostamento a piedi sarà consentito soltanto per lavoro, necessità o salute. In Valle d’Aosta chiusi anche tutti i cantieri.

Alessandro Della Guglia

7 Commenti

  1. …perfetti idioti.. non si tiene conto che in Cina la popolazione è considerevolmente più giovane e che la durata media dell’aspettativa di vita è di 10 anni più breve….in Italia ci sono più anziani debilitati, vulnerabili al virus…

  2. Ma chi lo dice che i ns. defunti (per coronavirus diretto o concausa) sono maggiori della Cina?!?! I cinesi con menzogne, falsità, ipocrisia sono maestri e nulla di loro è sottoposto a prova. A Milano (!), in piena Chinatown, i loro boss fanno girare la voce che il “loro virus”, secondo i giapponesi (e figurati!) è stato sparso dagli USA l’ anno scorso… Tanto per dare una idea della superficialità e bastardaggine nella quale noi non possiamo e non vogliamo cadere!

Commenta