Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bergamo, 19 mar – La tragedia del coronavirus in Val Seriana (Bg) raccontata da chi la sta vivendo sulla propria pelle. Roberta Zaninoni, figlia di Giuseppe, morto ad Alzano Lombardo per coronavirus, si sfoga così in un video apparso sul Fatto Quotidiano. Con parole durissime, che raccontano di una realtà agghiacciante che il resto d’Italia ancora fa fatica a comprendere, a inquadrare, e di cui nessuno sembra rendersi conto.

“Non era giusto che papà morisse così. Muoiono tutti come dei cani, come dei porci. Ancora oggi la gente dice che erano vecchi, erano malati; ero mio padre c***o, non era vecchio e non era malato. Vaffanc*lo”. Un fiume di parole piene di rabbia. “In Val Seriana” racconta Roberta “ormai si sentono solo le sirene delle ambulanze e le campane che suonano a lutto. Tutto il giorno. Questa è la situazione in Val Seriana”. Roberta cerca di sensibilizzare chi non abita a Bergamo sull’emergenza in corso.

“Forse la gente che non abita qui non se ne rende conto, ma nella nostra valle si muore come se fossimo in guerra. Faccio più di 10 condoglianze al giorno ad amici e conoscenti su Facebook e le pompe funebri sono costrette ad ammassare le bare nelle chiese, come se i corpi fossero numeri. Per mio papà dovremo aspettare almeno tre settimane“. Ma anche lei è stata colta di sorpresa dal Coronavirus: “all’inizio ci scherzavo, scrivevo post ironici; non fate il mio stesso errore, restate a casa, anche se siete giovani, per tutelare i vostri cari. Non è un’influenza normale, uccide tutti, giovani e vecchi, sani e malati”.

Cristina Gauri

4 Commenti

  1. Non affrontare i casi tragici diffondendo il panico. L’anno scorso l’influenza – le complicazioni polmonari – hanno fatto 8000 morti in Italia. Qui il problema è la velocità di contagio che decima chi, nella stragrande maggioranza dei casi, aveva patologie pregresse o avanti con l’età. Molti stanno guarendo con la Tachipirina. È la tragicità della vita. Senza considerare chi, come, perché questa situazione ha creato

  2. Ho visto il servizio, io non ho mai scritto post ironici e non ho mai scherzato su questo problema neppure un mese fa. Per quale motivo non dice l’età del padre?

Commenta