Bruxelles, 13 mar – Ursula von der Leyen, rispondendo a una domanda sulla richiesta da parte di Sergio Mattarella di più aiuto all’Italia da parte della Ue, risponde: “Siamo pronti ad aiutare l’Italia con tutto quello di cui ha bisogno“.



Von der Leyen: “Nome di aiuto di Stato ora sono flessibili”

“In questo momento”, dice la von der Leyen “l’Italia è colpita severamente dal virus, sosteniamo tutto quello di cui ha bisogno e tutto quello che chiederà. Il prossimo potrebbe essere un altro Stato membro”. “Rassicuro gli Stati membri che noi a livello Ue stiamo offrendo massima flessibilità sugli aiuti di Stato” ha dichiarato ancora la Von Der Leyen. “In questo momento le norme di aiuto di Stato flessibili consentono agli Stati membri di adottare misure rapide a beneficio delle imprese”.

Ue: “Aiuti possono essere considerati spesa una tantum”

In una comunicazione approvata oggi dalla Commissione Europea, un’ora e un quarto dopo l’inizio della conferenza stampa di Ursula von der Leyen, Valdis Dombrovskis e Margrethe Vestager, si specificano meglio le misure atte a contrastare il coronavirus in Europa: “Misure come quelle che servono a contenere e affrontare la pandemia, assicurare un sostegno di liquidità a imprese e settori e a proteggere posti di lavoro e salari dei lavoratori colpiti, possono essere considerate come spese una tantum” ai fini del computo del deficit. La Commissione Europea “proporrà al Consiglio di escludere gli effetti sul bilancio di misure una tantum (one off) adottate per controbilanciare gli effetti economici della Covid-19. Il patto di stabilità può consentire spese eccezionali mirate”.

Gentiloni: “E’ importante che gli italiani sentano decisioni utili”

Il Commissario Ue Paolo Gentiloni ha commentato così: “È importante che tutti gli italiani sentano che la Ue prende decisioni utili”, la comunicazione di oggi mette “tutti gli stati in condizione di fare le loro scelte di bilancio, di sostegno alle imprese in difficoltà, di riduzione dei rischio occupazionali, di sostegno al sistema sanitario, di prendere tutte le decisioni necessarie”. Sulle polemiche susseguitesi dopo le dichiarazioni della Lagarde, Gentiloni dichiara: “Credo abbia fatto bene Lagarde a precisare che la Bce è impegnata a ridurre i rischi di fragilità nelle economie Ue. Questo è il compito della Bce, sono le decisioni che ci aspettiamo e sono certo che queste precisazioni significhino che questa sarà la politica della Bce nelle prossime settimane e mesi, come è assolutamente necessario che sia”.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta