Roma, 21 ott — E’ bufera su di un post pubblicato su Facebook dalla Garante dei detenuti di Ivrea (Torino), Paola Perinetto: si tratta, per la precisione, di un meme in cui Mario Draghi viene associato all’ex terrorista Cesare Battisti.



Draghi paragonato a Battisti in un meme

Il post incriminato consta di due fotografie (una dell’ex Pac, l’altra del presidente del Consiglio in carica) accostate. In effetti la somiglianza tra i due è impressionante. Ma a fare scalpore è la didascalia corredata: «Nella foto possiamo osservare un caso di estrema somiglianza. Uno è un criminale senza scrupoli. L’altro è Cesare Battisti». Un meme che ultimamente sta girando parecchio e che la dice lunga sul malcontento che una certa parte della popolazione nutre nei confronti dell’operato del premier Draghi. Tanto da paragonarlo a un delinquente, come per l’appunto era Battisti. Il post della Perinetto, nota attivista schierata contro l’uso del green pass, non è passato inosservato. Un semplice meme, che ora le potrebbe costare la carriera.

Interviene il Garante nazionale

Tanto da far intervenire il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, il quale ha chiesto che Perinetto venga rimossa dall’incarico per «l’inqualificabile parallelo» tra Draghi e Battisti e «le valutazioni espresse». Inoltre ha insistito affinché «si stabiliscano finalmente delle linee omogenee affinché i Garanti localmente designati rispondano a criteri di indipendenza e professionalità”. Stando a quanto riporta l’Italpress, il sindaco di Ivrea, Stefano Sertoli, ha già preso contatti con il garante nazionale bollando come «gravi e intollerabili» le parole della Perinetto. Ora gli resta da valutare quali azioni intraprendere e per farlo si avvarrà della conferenza dei capigruppo del consiglio comunale.
Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. L’ esteriore riflette l’ interiore? Oggi con una PET (Tomografia ad emissione di positroni), si ha qualche risposta in più. A Firma Facile la possibilità di dimostrare il contrario e favorire il vero sviluppo della scienza!

Commenta