Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 30 mag – È finita in tragedia la serata a Marina di Carrara di una turista tedesca. La ragazza, 24enne originaria di Berlino, si era fermata nella località balneare della costa apuana per un bagno veloce, in attesa di ripartire alla volta di Siena, dove avrebbe raggiunto degli amici. Tuttavia, nel cuore della movida di Marina di Carrara, la turista viene abbordata da un egiziano, anche lui 24enne, che le chiede una sigaretta. Sembra tutto a posto, ma poi le cose degenerano, con il nordafricano che le tappa la bocca e la violenta. Grazie alla denuncia della turista, l’uomo verrà prontamente catturato e tradotto nel carcere di Massa. Ma l’egiziano, reo confesso, fa calare il gelo in aula quando, davanti al giudice, prova a giustificare il suo stupro.



Stupro? L’egiziano lo giustifica così

«Aveva le gambe scoperte, qualsiasi uomo avrebbe fatto come me»: così l’egiziano ha infatti rivelato il motivo che lo avrebbe spinto allo stupro della giovane turista tedesca. Aggiungendo poi che un po’ di alcol e hashish avrebbero fatto il resto. Insomma, il baldo nordafricano non sembra particolarmente pentito dell’accaduto. Del resto, se una donna è avvenente e «provocante», perché mai dovrebbe essere sbagliato prenderla con la violenza? Tuttavia, per un insondabile segno del destino, il giudice non è parso molto d’accordo con le giustificazioni dello stupratore. Il gip del tribunale di Massa, Dario Berrino, ha infatti confermato il fermo in carcere: «Pericoloso e privo di autocontrollo», è stata la sentenza.

I precedenti

Gli immigrati provenienti dall’antica terra dei faraoni, d’altronde, hanno dimostrato più volte di essere piuttosto «intemperanti» con il gentil sesso. Per rimanere solo agli ultimi mesi, possiamo ricordare l’egiziano che, a Milano, si è reso protagonista di uno stupro ai danni di una 34enne. Oppure pensiamo al suo connazionale che ha sequestrato e violentato per un anno una ragazza barese, lasciandola pure incinta. La lista potrebbe allungarsi, ma stendiamo un velo pietoso.

Vittoria Fiore

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. Ditelo a Bergoglio che le suore non scoprissero troppo le gambe, perché le risorse non riescono troppo a controllarsi.

  2. beh,quando importi feccia stupracammelli dai più schifosi antri del pianeta,e contemporaneamente le nostre donne
    pensano di poter andare in giro belle tranquille come se niente fosse cambiato….
    cosa mai potrà andare storto?niente ovviamente.
    questa e altre (e altri) sono solo “danni collaterali”
    per i bastardi che continuano a spingere per l’immigrazione selvaggia:
    e MAI una volta che ci nvadano di mezzo loro,eh?
    mai una.

  3. La mancanza di autocontrollo è sempre un grosso problema, e in questi casi è tremendamente pericolosa.
    Il rispetto per il gentil sesso e è un pilastro irrinunciabile del vivere civile.

  4. Come diceva la Boldrini:

    ” Gli immigrati sono l’avanguardia di uno stile di vita che diventerà presto il nostro “

    • Sarebbe interessante chiedere alla Boldrini se, dopo quello di assai grave che le è accaduto, gradisce ancora certi vuoti stili di vita!

Commenta