Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 11 feb – Vittorio Feltri è scatenato e continua a tirare bordate su Twitter. Un cinguettio continuo che non risparmia nessuno, ma colpisce in particolare grillini, comunisti e sostenitori indefessi del “profeta” Draghi. “Ha ragione il prof. Marco Gervasoni: gli elettori di 5 stelle sono una calamità, peggio dei vecchi comunisti”, tuona il direttore di Libero.



“Le foibe dovevano inghiottire i comunisti così oggi ne parlerebbero tutti, invece le vittime erano solo italiani magari fascisti”, scrive ancora Feltri.

Black Brain

Feltri, bordata anche a Grillo

E ancora: “Beppe Grillo, dice Mentana, guarda lontano. Peccato che non veda un ca***”. Una bordata al garante pentastellato arrivata dopo la riflessione di Enrico Mentana durante la sua Maratona. Il direttore del TgLa7, riguardo alla possibile scissione del Movimento 5 Stelle, aveva esclamato: “Beppe Grillo guarda lontano”. Un giudizio piuttosto generoso, che in qualche modo esaltava una presunta strategia lungimirante e di ampio respiro da parte di Grillo. Con tutta evidenza Feltri non condivide l’interpretazione di Mentana e ironizza così, con un “Peccato che non veda un ca***”.

A ben vedere però – e speriamo di vederci meglio di Grillo – lo stesso Feltri, stando ai suoi continui tweet, è pure una delle poche voci fuori dal coro che incensa senza indugio Mario Draghi. “Fino ad alcuni giorni fa tutti leccavano il posteriore a Conte, ora lo leccano a Draghi. Cambiano i culi ma le lingue sono sempre le stesse”. E ne ha pure nei confronti di chi ne critica le intenzioni a prescindere, senza che ancora sia in realtà diventato premier. Sulla base insomma di mere dichiarazioni: “Draghi propone di chiudere le scuole a fine giugno, e gli insegnanti nonché i sindacati non ci stanno. Non mi stupisco, c’è gente che pur di non lavorare si impegna allo spasimo”, cinguetta Feltri. Nessun dorma, ce n’è per tutti signori.

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta