Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 17 mag – Ricordate i festeggiamenti per il 19° scudetto dell’Inter a Milano lo scorso 2 maggio? Più di 30mila tifosi in piazza Duomo che manifestavano fieramente la propria appartenenza alla fede nerazzurra ignorando, per lo più, tutte le ormai note regole anti-Covid (distanziamento, mascherine). Per i pessimisti seriali sembrava il prologo di una apocalisse di contagi annunciata per il capoluogo lombardo. Invece no.



Festa Inter, contagi a distanza di due settimane non sono aumentati

A distanza di due settimane non si osservano significative variazioni dei dati sui contagi a Milano dopo la festa per lo scudetto dell’Inter, come osserva Cesare Cislaghi, presidente dell’Associazione Italiana di Epidemiologia: «Finora non c’è stato alcun segnale di aumento non è detta l’ultima parola, ma negli ultimi giorni vediamo la stessa tendenza nell’andamento dei nuovi positivi, un trend di lenta ma continua decrescita. Di certo non s’è vista alcuna inversione, e questo è un bene».

E se, come annunciava il prof. Bassetti di Genova in una delle sue innumerevoli presenze in tv, il mega assembramento di Milano poteva considerarsi come un grande esperimento, il risultato sembra chiaro: all’aperto il contagio è marginale o comunque il rischio del contagio un po’ troppo enfatizzato. In ogni caso non responsabile del collasso sanitario con il quale in questi lunghi mesi sono state giustificate misure come coprifuoco e le mascherine all’aperto. Questo indicano i dati.

Il governo italiano, sia con Conte che con Draghi, ha gestito la pandemia affidandosi ai dati in chiave rigorista: ovvero, eccedendo nelle chiusure e lesinando aperture. Un doppiopesismo francamente ingiustificabile. E’ arrivata l’ora di una riflessione seria su come restituire le libertà fondamentali indebitamente sottratte agli italiani.

Lorenzo Leoncini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Questo covid segue le regole dei malanni stagionali.
    Lo stesso avvenimento nei mesi di ottobre e novembre avrebbe avuto conseguenze diverse, dirette o indirette.

Commenta