Il Primato Nazionale mensile in edicola

Firenze, 2 feb – Fabio e Lorenzo sono liberi, finalmente. Di loro nessuno parlava. Il megafono mediatico si era improvvisamente inceppato di fronte a studenti toscani arrestati dopo un semplice volantinaggio all’interno di una scuola. Una vicenda vergognosa che avrebbe dovuto generale quello sdegno facilmente rinvenibile in altri casi, quando si tratta ad esempio di studenti egiziani detenuti a Il Cairo. E dire che Fabio e Lorenzo, ventenni militanti fiorentini del Blocco Studentesco, si trovavano agli arresti domiciliari dal 25 novembre scorso. Reclusi per più di due mesi.

Qualche ora fa sono tornati in libertà! Il Giudice ha accolto l’istanza presentata dell’Avvocato Simone Bonaldi, sostituendo la misura degli arresti domiciliari con quella dell’obbligo di firma”, si legge sulla pagina Facebook di CasaPound Italia. “I due militanti del Blocco Studentesco erano reclusi in casa dallo scorso 25 novembre per aver svolto un semplice volantinaggio di protesta in un liceo fiorentino. Felici di poter finalmente riabbracciare i nostri ragazzi e convinti della loro innocenza rispetto al reato contestato, ci aspettiamo adesso che cadano tutte le accuse infondate mosse contro di loro per ragioni di natura politica”, si legge ancora nella nota pubblicata sul social da Cpi.

I due studenti di Firenze: “Bentornata libertà”

A stupire è però in particolare la compostezza, unita a uno spirito indomito, di questi ragazzi. Non è da tutti, soprattutto oggi, in una società fiacca e codarda. In un momento storico in cui si tende a spegnere le scintille giovanili stigmatizzandole troppo spesso come puerili vezzi, pericolosi perché ancora non rassegnati alla sedentarietà del virtuale. “L’uomo moderno non ama, si rifugia nell’amore; non spera, si rifugia nella speranza; non crede, si rifugia in un dogma. LIBERTÀ per chi ancora ama, spera, crede, senza nascondersi. CE L’ABBIAMO FATTA. BENTORNATA LIBERTÀ!”, scrive Lorenzo sul proprio profilo Facebook.

“Non cantiamo vittoria – gli fa eco Fabio, l’altro studente appena liberato – per ottenere la piena libertà ed uscire da questa assurda situazione la strada è ancora lunga, ma sicuramente è un grosso passo in avanti. Non vogliamo fare del vittimismo, siamo consapevoli che la strada che abbiamo scelto è ricca di ostacoli e siamo sempre stati pronti ad affrontarli a testa alta, sempre più motivati dall’amore per la nostra amata Patria. È il sangue dei ribelli che scorre dentro di noi”.

De Vecchis (Lega): “Finalmente liberi”

Sulla liberazione dei due studenti di Firenze è intervenuto anche il senatore della Lega, William De Vecchis: “Finalmente e a mio avviso in ritardo eccessivo sono stati ritirati gli arresti domiciliari agli studenti di Firenze dopo il volantinaggio al Galileo Galilei. Se sei di sinistra puoi occupare se sei di destra non puoi nemmeno volantinare!”, tuona il senatore leghista.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta