Firenze, 9 ago – “Aiutiamoli a casa loro” è un concetto che non sembra mai essere piaciuto alla sinistra. Forse perché una parte degli aiuti per l’Africa finivano a tutto tranne che nel continente nero? Ne sembra convinta la Procura di Firenze, che sta indagando su un giro di denaro che arriva a coinvolgere anche Matteo Renzi.

Ridotto l’ex premier a “senatore semplice”, del cosiddetto Giglio Magico – la cricca di soggetti che ruotavano attorno al fu sindaco di Firenze – si continua invece a parlare. Protagonisti, questa volta, sono i fratelli Conticini, che stando alle accuse degli inquirenti avrebbero dirottato cospicui fondi destinati all’aiuto dei bambini africani.

I capi d’imputazione sono pesanti: si va dall’autoriciclaggio all’appropriazione indebita aggravata e toccano anche Andrea Conticini (indagato per riciclaggio), noto alle cronache per essere nientemeno che il cognato di Renzi. Stando a quanto ricostruito dagli uomini della Guardia di Finanza, i fondi provenivano dalle raccolte di beneficenza dell’organizzazione Play Therapy Africa. Si parla di almeno 6 milioni di euro, che invece che finire nel sostegno allo sviluppo del terzo mondo venivano impiegati in investimenti in società e in immobili, oltre all’acquisto di quote di società (come la Eeventi 6 e la Quality Press) legate proprio alla famiglia Renzi. Alla faccia della cooperazione internazionale.

Nicola Mattei

Commenti

commenti

1 commento

  1. E pensare che “il bomba” ha avuto la faccia cosi’ tosta da dire pubblicamente che lui sul conto aveva solo 15 mila euro!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here