Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 5 ago – Si va verso l’obbligatorietà anche gli studenti universitari: sempre più pressante la stretta del Governo sul Green pass obbligatorio.



Green pass, obbligatorietà per studenti universitari

Quindi anche gli studenti universitari dovranno avere il green pass: è la novità messa in campo dalla cabina di regia del governo, che verrà a breve illustrata ai presidenti delle Regioni. Il decreto sarà discusso e poi approvatodal consiglio dei ministri sempre nella giornata odierna. in breve, prima dell’inizio dell’anno scolastico, tutto il personale dovrà dimostrare di essere vaccinato, oppure guarito oppure aver effettuato un tampone con esito negativo. E, a questo punto, anche gli studenti.

Le regole per i trasporti (da settembre)

Dal 1 settembre, invece, scatta l’obbligo di green pass per i trasporti. Non ci sarà nessun obbligo nel mese di agosto, per permettere di mettere in moto la macchina organizzativa sui controlli. La certificazione, se passasse il decreto così come viene predetto, dovrebbe essere richiesta per i treni a lunga percorrenza, dunque sia per Alta velocità che Intercity, e anche per i traghetti extraregionali. Non sarà, invece, richiesto per i mezzi che transitano all’interno della stessa Regione. Anche per quanto riguarda la capienza di tali treni, traghetti e  aerei si è giunti ad un accordo che la aumenta: dovrebbe passare dal 50% all’80% dei posti disponibili, e i primi a iniziare saranno i treni. Altre novità in ballo sarebbero quelle che riguardano la durata della quarantena o, per meglio dire, il “privilegio” dei vaccinati rispetto a chi non ha avuto il vaccino: per loro sarebbe destinata a scendere a 7 giorni. Visto che il tema vacanze è molto caldo, la notizia che per i clienti degli alberghi che vogliono accedere ai ristoranti e ai bar al chiuso nelle strutture non ci sarà l’obbligo del green pass rinfrancherà in molti.

Per tutto il resto … c’è il Green pass

Per fare eco ad una celebre pubblicità, “per tutto il resto c’è ….” il Green pass. Da domani avere il certificato verde sarà l’unico modo per poter accedere a queste attività: servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso, spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportive, musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre, piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso, sagre e fiere, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, entri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione, attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò, concorsi pubblici.  Praticamente… tutto.

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. Obiettivo finale: green-pass a tutti, dalla nascita,
    Così, se vuoi essere veramente libero, dovrai liberamente scegliere di vaccinarti.
    Ti sarà consentito, probabilmente, anche d tatuarti il QR Code da qualche parte.

  2. Lo avevo detto, che pian piano lo avrebbero esteso a tutto.. Lo avevo scritto mesi fa.. Solo gli scemi non se ne sarebbero accorti.
    L’Italia sta diventando una delle peggiori dittature sanitarie di tutto il mondo.
    La maggior parte della gente dorme o applaude.. prima o poi andranno a “prendere” anche loro.. e sarà troppo tardi perchè non sarà rimasto nessuno a protestare(si usa dire..). Se non è dittatura questa…
    P.s: a quelli che nominano l’Europa solo quando fa comodo “a loro”, vorrei ricordare ll regolamento 953 del 2021 dell’Unione Europea, il quale stabilisce che gli Stati devono tassativamente evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate.

  3. Se ne sbattono della costituzione, penso che gliene freghi dell’Europa? Solo quando fa comodo… che tristezza amico mio!

  4. C’è una parte anche nello stesso decreto 105 italiano per il Green Pass che lo cita. Si trova nell’articolo 4.
    Al comma 9 che dice(faccio un sunto) che le disposizioni possono
    applicarsi ove compatibili con i regolamenti (UE) 2021/953 e 2021/954
    del Par. europeo e del Cons. del 14 giugno 2021. Quindi indipendentemente dal fatto che magari riusciranno ad aggirarlo perchè sono delle “volpi” nel fregare il popolo italiano sempre più “appecorato”, ci saranno battaglie legali. Questo è sicuro. Questo decreto è nato con una contraddizione enorme al suo interno. Discrimina eccome!

Commenta