Roma, 5 gen – Centomila fedeli attesi oggi a Piazza San Pietro per i funerali del Papa Emerito Benedetto XVI. Migliaia di persone sono arrivate all’alba, in una Città del Vaticano blindata che si prepara ad accogliere anche molti capi di Stato e di governo. Predisposta un’area di sicurezza dove sarà obbligatorio sottoporsi ai controlli del metal detector. Rafforzata inoltre l’interdizione dello spazio aereo sulla piazza, tra tiratori scelti, reparti speciali interforze antiterrorismo e polizia locale. Fino alle 14 è poi vietata la vendita di contenitori in vetro.

Funerali di Benedetto XVI, la cerimonia 

A presiedere la messa sarà Papa Francesco, alle 9.30 sul sagrato della Basilica di San Pietro. Liturgia concelebrata da più di 120 cardinali, oltre 400 vescovi e 3.700 i sacerdoti. Una cerimonia che sarà trasmessa in mondovisione. Una volta concluso il rito, la salma di Joseph Ratzinger lascerà piazza San Pietro per essere trasportata alle grotte vaticane. E’ lì che il Papa Emerito verrà tumulato durante una cerimonia privata, lontana da telecamere e giornalisti. Nella bara ci saranno anche le monete e le medaglie coniate durante il suo Pontificato, oltre ai pallii da lui indossati e al rogito in latino, breve testo che sintetizza la sua vita e in particolare la sua storia da Papa.

Nel rogito la lotta “con fermezza” agli abusi sessuali

Proprio nel rogito, come fatto sapere dal Vaticano poche ore fa, tra le altre cose si sottolinea la lotta “con fermezza” di Benedetto XVI contro gli abusi sessuali. “Lottò con fermezza contro i crimini commessi da rappresentanti del clero contro minori o persone vulnerabili, richiamando continuamente la Chiesa alla conversione, alla preghiera, alla penitenza e alla purificazione”, è riportato nel testo. Il rogito inizia così: “Nella luce di Cristo risorto dai morti, il 31 dicembre dell’anno del Signore 2022, alle 9,34 del mattino, mentre terminava l’anno ed eravamo pronti a cantare il Te Deum per i molteplici benefici concessi dal Signore, l’amato Pastore emerito della Chiesa, Benedetto XVI, è passato da questo mondo al Padre. Tutta la Chiesa insieme col Santo Padre Francesco in preghiera ha accompagnato il suo transito. Benedetto XVI è stato il 265esimo Papa. La sua memoria rimane nel cuore della Chiesa e dell’intera umanità”.

La Redazione

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta