La vostra casa è ormai vecchia. Le tubature perdono, i sanitari sono vecchi e ricoperti di calcare. Come se non bastasse i pavimenti sono un disastro. È giunto il momento di ristrutturare casa grazie anche alle agevolazioni fiscali.

Non volete però che il sogno di una casa rinnovata diventi un incubo fatto di polvere e calcinacci. Come fare per evitare tutto questo?

Ristrutturazione completa o parziale

Può capitare che la vostra casa sia interamente da rinnovare. In questo caso IdeaCasa Plan fornisce ai suoi clienti la possibilità di usufruire di un appartamento sostitutivo gratuito per tutto il periodo in cui la ristrutturazione è in atto.

Per evitare danni ai vostri mobili, l’azienda mette a disposizione anche il servizio di smontaggio e rimontaggio mobili perché, si sa, lavorare con i mobili di mezzo, rallenta il lavoro oltre ad esporli al rischio che si rovinino.

Nel caso in cui sia necessaria una ristrutturazione della cucina o una ristrutturazione del bagno IdeaCasa Plan vi accompagnerà durante tutte le fasi di questo processo. Ma come?

Innanzi tutto viene proposta una consulenza gratuita volta a sciogliere ogni dubbio. Fatto questo viene presentato un progetto proposto sotto forma di rendering 3D (immagine elaborata al computer sulla base dei dati del progetto) realizzato da tecnici e architetti che vi permetterà di vedere in anteprima i frutti della ristrutturazione.

IdeaCasaPlan si occuperà di tutta la trafila burocratica necessaria, sia per le detrazioni fiscali sia per la messa a norma degli impianti (si rischia infatti una multa per gli impianti non a norma).

Finalmente possono iniziare i lavori!

Ristrutturazione bagno

Per il bagno in particolare ci sono degli accorgimenti di cui tener conto. In primo luogo vanno considerati gli impianti idraulici e di riscaldamento che, come detto in precedenza, a volte possono essere obbligatori, oppure necessitano semplicemente di un intervento per migliorare la loro efficienza.

A volte la ristrutturazione può essere occasione per abbattere le barriere architettoniche (per questa iniziativa esistono altre detrazioni fiscali) e adeguare il bagno anche alle necessità delle persone diversamente abili. Va pensata subito una selezione di sanitari e mobili da bagno delle migliori marche senza dimenticare piastrelle e pavimenti per il bagno.

L’ideale è che la stessa ditta pensi alla rimozione di vecchi sanitari, pavimenti e impianto, manutenzione/riparazione impianti elettrici, rifacimento dei rivestimenti e realizzazione del nuovo impianto idrico. L’alternativa è affidare i lavori di volta in volta a professionisti diversi ma il rischio di allungare i tempi è davvero dietro l’angolo perché non sempre è possibile coordinare tanti e diversi lavori tra di loro.

Ristrutturazione cucina

Anche per la ristrutturazione della cucina l’ideale è sempre affidare i lavori ad un’unica società che vi segua passo passo. Da una prima consulenza gratuita fino al termine dei lavori. Con un preventivo studiato nei minimi dettagli per evitare imprevisti e conoscere l’importo totale.

Le fasi di lavoro sono così suddivise:

  • demolizione e rimozione della vecchia cucina
  • rifacimento/ripristino degli impianti
  • riparazione impianti elettrici
  • sostituzione dei rivestimenti
  • sostituzione dei pavimenti

Sia per la ristrutturazione del bagno che della cucina Idea Casa Plan mette a disposizione una grande scelta di rivestimenti, pavimenti e mobilia per avere finalmente una casa completamente ristrutturata senza troppi pensieri.

Alberto Palladino

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteTrump: “Ronaldo sarà presidente?”. Ma il capo di stato portoghese: “Non siamo gli Usa” (Video)
Prossimo articolo“L’accoglienza ce la paga l’Europa”: Saviano non sa più che bufale inventarsi
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here