Milano, 18 ott – La Milano progressista di Beppe Sala continua a dispensare ingiustizie e soprusi ai danni dei cittadini, la giunta targata Pd della città più pericolosa d’Italia ha regalato nei giorni scorsi a circa 25 famiglie rom, per un totale di 107 persone, degli alloggi popolaridopo che gli stessi hanno occupato abusivamente per anni l’area di Vaiano Valle nella periferia milanese. Nessuna graduatoria, nessun tempo d’attesa per loro, scavalcando così migliaia di italiani in attesa dello scorrimento delle liste regolari da anni per l’assegnazione di una casa popolare.

Alloggi e nuovi fondi per le famiglie rom

Per decenni il campo rom di Vaiano Valle è stato ricettacolo di criminalità e violenze, con attività che spaziavano dalla compravendita di merce rubata allo spaccio di droga. Ora queste famiglie, le quali hanno sempre vissuto nell’illegalità più assoluta e sulle spalle della comunità, si vedranno riconosciuti alloggi dei Servizi abitativi con l’aggiunta di nuovi fondi per progetti di inserimento sociale, che prevede anche l’autonomia reddituale, ossia un lavoro, e si prevedono inoltre percorsi di autonomia finanziaria per imparare a gestire le proprie spese.

La Gotham City italiana

Un altro esempio lampante di come il sindaco Sala abbia lasciato la città di Milano nell’insicurezza e nel degrado più assoluto, dal momento che è più impegnato a portare avanti le proprie battaglie ideologiche a tinte arcobaleno e antirazziste. Il vero razzismo è quello della sinistra, all’opera contro gli italiani in difficoltà che si vedono privati di un loro diritto per colpa di politiche ideologizzate da parte di chi coccola gli immigrati e che permette quotidianamente stupri, violenze e rapine. La Gotham City d’Italia mostra ancora una volta il suo lato oscuro, sprofondando sempre di più verso il baratro, una città ormai invivibile, uno specchietto per le allodole della sinistra che in realtà mostra il suo più grande fallimento.

Andrea Grieco

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. In fin dei conti era sufficiente andare a votare e buttarlo fuori… Non serviva molto.. la sx lo ha votato e la dx è stata a casa e adesso si lamenta per gli zingari … Milano da bere

  2. Milano è sulla strada del reclusorio: adattati e adattabili che magnano sulla pelle dei disadatti o in via di disadattamento. Però è più pena che prevenzione alla faccia del progresso…Potere normativo, applicativo, penalizzante nelle mani di pochissimi para-finanziari.

Commenta