Roma, 1 gen – Il nuovo anno inizia esattamente sulla stessa linea di come siamo stati abituati durante quello appena passato; la nave Ocean Viking, battente bandiera norvegese, della Ong SOS Mediterranée ha attraccato nel porto di Ravenna con a bordo più di 113 immigrati. L’arrivo di centinaia di stranieri sulle nostre coste è stato accolto da un piccolo gruppo di attivisti di Mediterranea Saving Humans con striscioni “Welcome to Italy” e “Salvare vite umane non è reato”. Anche il sindaco di Ravenna in forza al Partito democratico, Michele De Pascale, ha presenziato allo sbarco, sottolineando come la sua città non potrà mai opporsi ad un “salvataggio”.

Il personale della Ocean Viking contro le politiche del governo

La Ong SOS Mediterranée ha inoltre fatto partire delle polemiche, in direzione del governo italiano, sulle politiche messe in atto dal ministro dell’Interno Matteo Piantedosi nelle ultime settimane, riferendosi al decreto Sicurezza approvato nel Consiglio dei ministri del 28 dicembre, secondo loro aventi solamente lo scopo di “ostacolare il lavoro delle Ong che operano nel Mar Mediterraneo”. Evidentemente, visti i continui sbarchi, questo scopo non è per nulla riuscito.

Le Ong continuano a muoversi indisturbate

Nonostante le roboanti prese di posizione del nuovo ministro Piantedosi in materia di immigrazione, le Ong continuano indisturbate a fare il bello e cattivo tempo nelle acque italiane. Il 2022 è stato l’anno con il più alto numero di immigrati sbarcati sul territorio nazionale dall’inizio della crisi del 2016, e questo inizio anno non sembra prospettare nulla di buono. La continua immigrazione sta portando a conseguenze disastrose che ogni giorno possiamo osservare nelle nostre città, tutto questo mentre il popolo italiano continua a scomparire sempre di più.

Andrea Grieco

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. E pensate se un giorno, come i russi in Ucraina, gli italiani in Italia dovessero arrivare sotto il 50% e come i russi venissero cestinati, isolati, eliminati, sospinti ad andarsene… Per Mattarella, Meloni e i Matti politici made usa e getta prevarrebbe il diritto costituzionale, malinteso nazional-sovrano, dando l’ ok ?!
    Tu costruisci, gli altri, parassiti giunti da ogni dove, prendono senza alcun ritegno, nel caso ammazzando pure e senza pagar dazio. Ma dove e come si può intendere la giustizia in tal senso?!

  2. Crucio, mi sa che presto sarà “cestinato” finalmente il tuo amicone Putin, da un bel male incurabile o dai russi stessi. Statt’accuorte!

Commenta