Roma, 19 gen — Immigrati che dall’Italia gestivano il traffico di clandestini amministrando grandi quantità di denaro e un esercito di scafisti: sono scattate le manette per due organizzazioni criminali, capeggiate da boss iracheni, che da Bari e Venezia si erano accaparrate il controllo degli spostamenti e i trasferimenti degli immigrati irregolari dalla Turchia-Grecia-Albania verso l’Italia e anche oltre.

Iracheni gestivano traffico di clandestini per l’Italia 

E’ stata chiamata operazione «Astrolabio», ed è sfociata stamattina nel blitz della Guardia di Finanza nei confronti di due dei quattro gruppi criminali accusati di gestire il traffico illecito di clandestini che approdano sulle coste salentine di Lecce. Da lì, i viaggi spesso proseguivano verso altri Paesi europei. Le Fiamme Gialle, in sinergia con il Gico di Lecce e lo Scico di Roma, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia leccese e in collaborazione con gli inquirenti di Albania e Grecia, hanno per mesi monitorato le mosse dei trafficanti di esseri umani. I capi sono risultati essere di nazionalità irachena, mentre i presunti componenti di tutti e quattro i nuclei sono quasi tutti siriani.

Le indagini

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta