Roma, 11 lug — L’anidride carbonica per usi alimentari è diventata introvabile e la filiera produttiva delle acque minerali è in subbuglio, col rischio, per i consumatori, di dover dire addio all’acqua gasata. Anche se si tratta di un rischio potenziale e non di una certezza, gli operatori del settore, specialmente in Piemonte che rappresenta regione capofila del settore, iniziano ad interrogarsi preoccupati. A lanciare l’allarme è stato il presidente e amministratore delegato di Acqua Sant’Anna, Alberto Bertone. «Siamo disperati, è un altro problema gravissimo che si aggiunge ai rincari record delle materie prime e alla siccità che sta impoverendo le fonti».

Perché manca l’anidride carbonica?

Le cause della riduzione di anidride carbonica sono molte: da un lato si tratta di un settore ad altissimo consumo energetico, e come noto non si tratta di congiuntura molto felice per l’energia, anche per gli elevatissimi costi della stessa. C’è anche un problema squisitamente logistico, come rileva Rivoira che afferma: «Buona parte di quella che ci danno arriva via nave e a volte ci sono ritardi o poca disponibilità di CO2». La scarsità, peraltro, costringe ad indirizzare le scorte verso altri utilizzi, come quello sanitario. «E ci mancherebbe pure — ammette l’amministratore delegato —. Noi non possiamo che sperare che la situazione migliori. Per ora siamo sul filo del rasoio e vedremo cosa succede nei prossimi giorni».

Gli allevamenti diventano “buoni”

Singolare la fonte alternativa di approvvigionamento proposta da Coldiretti Torino. «L’anidride carbonica per l’acqua minerale può arrivare dagli allevamenti animali – affermano – a Candiolo c’è un impianto che produce C02 alimentare dagli effluenti bovini. Siamo pronti a discutere un progetto di filiera con gli industriali delle bevande gassate». «Con la diffusione di biodigestori di nuova generazione – dichiara il presidente di Coldiretti Torino, Bruno Mecca Cici – gli allevamenti da “problema ambientale” diventano addirittura risorsa energetica e industriale». Un autentico paradosso in questi anni di ortodossia politicamente corretta e ambientalista, che della lotta spietata all’anidride carbonica ha fatto elemento vitale. Senza considerare, come spesso avviene, le drammatiche ricadute di scelte tanto draconiane.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Ricordate il BUCO dell’ Ozono ?????

    Ora non ne parla più manco BI-Fulco Pratesi ………… il PUZZONE .

Commenta