Torino, 28 dic – Un vero e proprio inferno quello scatenato da un marocchino fermato per rissa nel quartiere Parella a Torino: per cercare di eludere l’arresto e i controlli prima sostiene di avere il Covid, poi tira una testata ad un albero cercando di fuggire, poi pesta gli agenti e tenta di dare fuoco alla volante. Lo riporta TorinoOggi.



Per sfuggire al fermo il marocchino diceva di avere il Covid

Tutto è accaduto nella tarda serata di mercoledì scorso, quando alcune pattuglie di Polizia sono intervenute per la segnalazione di un rissa in atto in Largo Nicola Fabrizi. Al loro arrivo gli agenti hanno trovato ad attenderli un immigrato, il 29enne marocchino che si mostrava recalcitrante e per nulla cooperativo all’atto dei controlli ed offendeva verbalmente i poliziotti invitandoli ad andarsene: «Questa è la mia zona». Poi, per tentare di sfuggire al fermo, il marocchino ha iniziato a sostenere di avere il Covid. Una messinscena a cui le forze dell’ordine non hanno ovviamente abboccato, procedendo con le operazioni di controllo.

Ferisce gli agenti e dà fuoco alla volante

Ma non c’è stato nulla da fare, anzi: il nordafricano è passato così alle maniere violente, dapprima contro se stesso, prendendo a testate un albero. Poi, esaurita la pazienza degli agenti che a quel punto hanno tentati di bloccarlo con la forza, si è scagliato contro di loro, provocando una contusione al polso ad un poliziotto e tentando anche di appiccare il fuoco alla volante. Con non poca fatica le forze dell’ordine sono riuscite a sopraffare l’immigrato e ripristinare l’ordine. Dopo l’arresto, dai successivi controlli è emerso che il marocchino non aveva contratto il Covid. Ora lo straniero dovrà rispondere delle accuse di resistenza, minacce, danneggiamento aggravato e lesioni a pubblico ufficiale.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. Sbirri davvero “preparati” e all’altezza della situazione; a parte far le multe agli italioti per il resto sono sterco. Ma per favore.

  2. Le nostre forze dell’ordine ordine dovrebbero fare almeno tre ore obbligatorie di lezioni di arti marziali alla settimana.. Inclusi i combattimenti come si fa in palestra senza ovviamente affondare i colpi.. Tecnica, come si dice i gergo.. Non è possibile che carabinieri e poliziotti vengano pestati a sangue da cani e porci.. Non è possibile vedere poliziotti Rammolliti con pancetta e sigaretta.. Mussolini non sarebbe da accordo.. Onore al Duce.

  3. […] Un marocchino è stato denunciato per epidemia colposa per aver sputato in faccia a un cittadino italiano ed essere in seguito risultato positivo al coronavirus. Lo sputo è stata un conseguenza di una furiosa lite avvenuta per banali motivi nel centro di Portomaggiore, provincia di Ferrara. Lo riporta Il resto del Carlino. […]

Commenta