Roma, 28 apr – La mascherina al chiuso andrà tenuta anche dopo il 30 aprile – sono in arrivo un emendamento al decreto legge in vigore e un’ordinanza – ma a quanto pare “sul posto di lavoro non ci sarà l’obbligo ma solo una raccomandazione“. Ad anticipare le novità sul fronte della proroga dell’obbligo della mascherina al chiuso è il sottosegretario alla Salute Andrea Costa.

Mascherina al chiuso, Costa: “Sui luoghi di lavoro si può andare verso sola raccomandazione”

“Sui luoghi di lavoro” si può andare “verso una raccomandazione e non obbligo di mascherina al chiuso”. Così Costa, ospite a Mattino Cinque News. “Gli italiani hanno già mostrato una responsabilità diversa, come avvenuto per le mascherine all’aperto. E’ giunto il momento di dare fiducia agli italiani”, aggiunge il sottosegretario. “Ci sono le condizioni – chiarisce Costa – per arrivare a questa mediazione, senza distinzione tra pubblico e privato“. Assolutamente contraria è invece la Fondazione Gimbe, che considera una “follia” togliere l’obbligo al chiuso. Di parere opposto l’infettivologo Matteo Bassetti, che boccia la proroga: “Gli italiani non sono cretini”.

Via il green pass dal 1° maggio

Per quanto riguarda le discoteche “parliamo di un settore dove la regolamentazione è complessa, nel momento in cui abbiamo deciso di riaprirle se si balla non si può indossare la mascherina, e proseguiremo con quelle regole. Mentre dove non si balla si può continuare ad utilizzare le mascherine. Ma di fatto è già così”, spiega Costa.

Quella del “green pass è la vera svolta della nuova fase che si apre dal primo maggio: finisce la stagione del green pass che sarà mantenuto solo per gli ospedali e per le visite nelle Rsa. Quindi non servirà per prendere i mezzi di trasporto e per i luoghi di lavoro”, sottolinea il sottosegretario alla Salute.

Ecco come funzionerà la proroga dell’obbligo di mascherina al chiuso

Saranno un emendamento al dl del 24 marzo scorso che ha sancito la fine dello stato di emergenza sanitaria ed una ordinanza “ponte” del ministro della Salute a stabilire le nuove regole della proroga. Lo si apprende da fonti qualificate, riportate dalle agenzie di stampa. Secondo le stesse fonti dovrebbe essere prorogato l’obbligo di mascherina al chiuso in alcuni luoghi come scuola, trasporti, ospedali, cinema, teatri. Per quanto riguarda i tempi, si parla di una proroga di almeno un altro mese. C’è da dire che l’Italia è rimasto l’unico Paese europeo ad avere ancora l’obbligo della mascherina.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Bassetti con l’età pare stia rinsavendo 😀
    “Di parere opposto l’infettivologo Matteo Bassetti, che boccia la proroga: “Gli italiani non sono cretini”

    Appunto!

    Il problema è che gli Italiani sono una sparuta minoranza, la maggioranza sono ita(g)liani che pendono dalle labra di Speranza 🙁

Commenta