Milano, 30 ott – Fanno tanto clamore le notizie di annunci affittuari presuntamente razzisti e omofobi, ma quando i discriminati sono gli eterosessuali, tutto tace. Come a Milano, “città aperta e globalista” dove qualcuno ha messo un annuncio di affitto solo per “gay attivi e riservati”. L’inserzione, che è ancora online sul sito secondamano.it, recita infatti così: “Condivido con giovane gay attivo, riservato – massima discrezione, 2 locali arredati zona p.le Accursio in Milano Costo modico – Referenziato”. Vi si legge anche il costo dell’affitto, che è di soli 150 euro. A Milano.

Oltre all’intento discriminatorio – che, ripetiamo, è sempre stigmatizzato dall’opinione pubblica se si parla di immigrati, meridionali o gay, mai invece se il discriminato è leghista o, come in questo caso, eterosessuale – sorge anche un dubbio sugli intenti del proprietario di casa: a che gli serve sapere se il suo affittuario è gay e attivo? Da chi e per quali caratteristiche dovrebbe farsi referenziare? E soprattutto, come è possibile richiedere solo 150 euro di affitto in una città come Milano? Lo scopriranno solo quei coraggiosi che andranno a proporsi per questa occasione imperdibile. Certo è che se avessimo letto un’inserzione con testo “affitto solo a eterosessuali”, oggi avremmo assistito all’intero comparto politico, culturale ed editoriale italiano stracciarsi le vesti per il grave episodio discriminatorio.

annuncio

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteDal razzismo all’eroina. Chef Rubio e quegli inaccettabili post sull’Umbria
Articolo successivoSe a Parma vuoi il passo carrabile devi dichiararti antifascista
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

2 Commenti

  1. Non è un affitto … ma una condivisione di appartamento già affittato …. ovvio che il
    proponente sia un prendinc…. e cerchi pure compagnia , poraccio.
    certo se uno scrive , subaffitto solo a strafiga …. via col circo Sboldra !
    nani , ballerine , gad e gruber !

Commenta