Il Primato Nazionale mensile in edicola

Napoli, 22 mag – E’ ormai diventato virale in rete il video che mostra un basso, grande non più di 50 metri quadri, in cui sarebbero stipati un certo numero di immigrati cingalesi in pessime condizioni igieniche. La cosa che lascia più stupiti, inoltre, è che la proprietaria delle mura altri non sarebbe se non la madre di Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi e “fustigatore” del malcostume a Napoli.

“Cattivi odori e scarafaggi”

Nel video si intuisce che il basso non è abitabile, sembra in effetti un semplice garage fronte strada. La Polizia ha voluto vederci chiaro su questa situazione di estremo degrado; dopo un controllo è emerso che gli inquilini della “casa” sono tutti venditori ambulanti e lavavetri. Le forze dell’ordine, secondo quanto riferisce Vesuvio Online, sarebbero intervenute su segnalazione dei residenti, che si sono lamentati della madre di Borrelli, proprietaria dell’immobile nei Quartieri Spagnoli poiché dal basso provenivano a loro dire “cattivi odori e scarafaggi che uscivano dalla porta”.

Guarda il video: https://www.facebook.com/napoliinternaz/videos/965719373862875/

Borrelli: “Un video organizzato per colpire me”

E’ stata la donna stessa a dire più volte di essere la madre di Francesco Emilio Borrelli, e davanti alla porta del garage si è creata un po’ di folla in mezzo alla quale c’era anche l’autore del video. Borrelli è corso a difendere mammà con un lungo post su Facebook:
“Gira da qualche ora un video su mia madre che, suo malgrado, continua ad essere costante oggetto di attenzione da parte di determinati individui. Un video che qualcuno ha pensato bene di organizzare contro di lei ancora una volta per attaccare me, per chiedermi conto delle mie battaglie contro l’illegalità”, scrive il consigliere regionale, vedendo una “regia” dietro l’accaduto.

“Una bufala”

“Ebbene, trovo inutile ribadire ovvietà e informazioni note, soprattutto quando gli attacchi sono spudoratamente strumentali ed effettuati da soggetti tra l’altro noti alle forze dell’ordine e notoriamente ostili alla mia azione politica”, scrive ancora Borrelli. “Mia madre ha una piccola abitazione che nel 2018 ha dato in affitto a 4 persone di origine cingalese. Da tempo l’immobile ed i suoi occupanti sono oggetto di “attenzioni” moleste. Non so perché anche se i sospetti sono tanti, non vorrei perché cingalesi o, forse, perché il locale è di mia madre, ma alcuni personaggi si sono più volte recati sul posto invitando gli inquilini a dare “spiegazioni”. Borrelli sostiene che sia stata la stessa madre a chiamare le forze dell’ordine “per denunciare le molestie ricevute dagli inquilini. Quindi il presunto “scoop” del video che sta girando, di fatto, non è altro che una bufala bella e buona”. Borrelli poi passa a minacciare denunce: “In ultimo: di queste molestie, di questo continuo, inutile e malfatto teatrino gli autori risponderanno alla legge e sapete tutti che, come sempre, andrò fino in fondo”.

Ilaria Paoletti

5 Commenti

  1. Bellanova ha voluto regolarizzare gli immigrati senza dargli una casa, un lavoro certo e servizi adeguati, ora questi vivono nella puzza e con gli scarafaggi, a cosa serve? Se poi li teniamo in queste condizioni?

    • Servono servono servono a portare disordine e rabbia tra gli italiani gli immigrati accidenti se non servono a tenere impegnati gli italiani con le loro malefatte di modo che lo stato possa metterlo in sedere a tutti quanti mentre ruba.

Commenta