Il Primato Nazionale mensile in edicola

schettino condanna 16 anniRoma, 12 mag – Sedici anni: tanti ne dovrà scontare in carcere Francesco Schettino, ex capitano della Costa Concordia, a seguito della condanna definitiva emessa poco fa dalla Corte di Cassazione.

E’ passato più di un lustro da quella drammatica notte al largo del Giglio quando la nave da crociera impattò con il basso fondale dell’isola toscana, rovesciandosi su un lato e provocando la morte di 32 passeggeri. “E’ stato un naufragio di tali immani proporzioni e connotato da gravissime negligenze e macroscopiche infrazioni delle procedure“, aveva tuonato il pg della Suprema Corte Francesco Salzano nella sua requisitoria, denunciando che l’allora capitano deliberatamente “non inviò il segnale di falla all’equipaggio per far scattare l’ammaina scialuppa e mettere subito in salvo i passeggeri”. Da qui la richiesta di conferma della pena stabilita sia in primo grado che in appello, per i reati di omicidio plurimo colposo (10 anni), naufragio colposo (5 anni) e abbandono della nave (1 anno). Richiesta accolta in pieno dai giudici della Cassazione, la cui decisione spalanca ora a Schettino le porte del carcere.