Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 27 nov – Oliviero Toscani ha il brutto vizio di insultare spesso e volentieri politici e personaggi pubblici a lui non graditi. Insulti talmente frequenti che ormai non si contano quasi più. Adesso però il fotografo chic osannato dai radical chic, è stato condannato in appello al pagamento di 8mila euro per aver diffamato Matteo Salvini. I giudici hanno ritenuto infatti offensive le parole pronunciate da Toscani  durante un suo intervento a La Zanzara, trasmissione di Radio 24 condotta da Giuseppe Cruciani. La puntata in cui il fotografo chic insultò pesantemente il leader della Lega, andò in onda il 16 dicembre del 2014.

Insulti continui

In quell’occasione Toscani se ne uscì così:“Fa i pompini, va benissimo per quello. Salvini fa i pompini ai cretini, fa anche rima. Prende per il culo chi lo vota”. Per queste dichiarazioni i magistrati hanno confermato in secondo grado la condanna a 8mila euro di multa, a cui si aggiungono però altri 1.500 euro di spese processuali. La decisione è stata presa dalla quinta Corte d’Appello di Milano, presieduta da Giovanna Ichino, che ha accolto la richiesta della Procura generale e dell’avvocato Claudia Eccher, avvocato di Matteo Salvini.

Certo, si tratta di una cifra probabilmente risibile per il compagno fotografo, ma sta di fatto che ora dovrà sborsare un po’ di soldi per una sua sparata. Una delle tante, appunto, perché da allora ha continuato a propinarcene di ogni tipo senza suscitare lo sdegno della sinistra benpensante. Non ci risulta infatti che i soliti strilloni abbiano accusato il fotografo di sessismo o di contribuire alla diffusione di “un clima d’odio”, neppure quando definì Giorgia Meloni “brutta”, “volgare” e “ritardata”.

Alessandro Della Guglia

5 Commenti

  1. Verissimo! Cifra risibile per un “salariato” , ( dai Benetton, n.d.r ), del suo calibro. Per fargli un pochettino di male, o per “rieducarlo”, vocabolo un poco piu’ politicamente corretto, alla cifretta menzionata nell’ articolo occorrerebbe aggiungere almeno un’ altro ZERO. (Non RENATO, n.d.r.).

  2. L`importante e` aver fatto capire a questo tizio che non puo` impunemente offendere chicchessia senza pagarne le conseguenze

Commenta