Roma, 25 nov – Strano ma vero: nessuno ha provato a chiedergli di mostrare il super green pass. E così un orso marsicano ha deciso di accomodarsi in pasticceria come se nulla fosse. E’ accaduto a Roccaraso, in provincia de L’Aquila, dove il grosso animale ieri sera si stava aggirando sornione per le strade della cittadina. Evidentemente affamato e guidato dall’olfatto, attorno alle 21:30 ha fatto irruzione nel laboratorio di un bar pasticceria in modo tutt’altro che pacato.



Orso irrompe in pasticceria e divora tutti i biscotti

L’orso ha infatti sfondato la finestra e una volta all’interno del locale si è dato al saccheggio, aprendo i forni e tirando fuori le teglie che contenevano biscotti secchi. Operazione certosina insomma, tanto per mostrare tutta la sua maestria nel procacciarsi il cibo. Senza indugio, l’orso ha divorato allora tutto quello che poteva divorare. Dopodiché, sazio ed evidentemente indisturbato, si è allontanato con tutta calma. Pare oltretutto che poco prima avesse assaggiato i frutti degli alberi sulle strade di Roccaraso, giusto come aperitivo prima del lauto pasto finale.

“Lo conosciamo, è docile”. E molto goloso

Ad accorgersi della clamorosa irruzione nella pasticceria, sono stati i proprietari del locale, i quali – ovviamente spaventati – si sono rivolti subito ai carabinieri forestali della stazione della cittadina abruzzese. L’orso in questione non è comunque sconosciuto nella zona. Si chiama Juan Carrito e in passato era già stato immortalato mentre beveva a una fontanella di Roccaraso. “E’ uno dei nostri orsi confidenti, è docile e, seppur diffidente per natura, non ha paura dell’uomo”, ha dichiarato Franco Di Bartolomeo, comandante luogotenente carica speciale dei carabinieri forestali della stazione di Roccaraso. Questi ultimi ieri sera stavano peraltro seguendo i movimenti dell’orso. “Ma a un certo punto Juan Carrito si è infilato in un vicolo per raggiungere in fretta la pasticceria”, ha detto il comandante.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta