Torino, 12 nov – Smantellata una rete di pedopornografia, arrestato anche un sacerdote: in chat migliaia di file “raccapriccianti”. I file in alcuni casi ritraevano vere e proprie violenze sessuali anche su neonati. Il materiale è stato sequestrato dalla polizia postale nell’ambito dell’operazione “Meet Up” diretta dalla procura di Torino. Arrestato, tra gli altri, il direttore della Caritas diocesana di Benevento, don Nicola De Blasio.



Smantellata rete di pedopornografia online: arrestato anche un sacerdote

Nel blitz anti pedopornografia online, oltre al prete sono stati arrestati anche un tecnico informatico 37enne residente in Piemonte e il creatore di un canale a pagamento all’epoca dei fatti minorenne. Residente in Puglia, sfruttava una nota piattaforma di messaggistica (non citata dagli inquirenti). Il materiale pedopornografico veniva divulgato una volta pagata l’iscrizione al canale. Nell’operazione sono indagate 26 persone, per le quali sono scattate altrettante perquisizioni. Gli arresti sono stati compiuti tra Piemonte, Campania e Puglia.

L’operazione della polizia postale sotto copertura

Già da febbraio gli agenti della polizia postale di Torino avevano avviato un servizio di monitoraggio sulla piattaforma di messaggistica che garantiva l’anonimato per gli utilizzatori. Una volta ricavati gli elementi utili alla prosecuzione dell’indagine, “sono state messe a fattor comune le tracce informatiche lasciate in rete dagli internauti, che hanno consentito la loro identificazione”. Quello che è stato smantellato dagli agenti infiltrati si era rivelato un ambiente chiuso, pubblicizzato dal proprio promotore, in cui veniva divulgato materiale pedopornografico a pagamento. Il sacerdote arrestato aveva una quantità ingente di questi file “raccapriccianti”. Negli ultimi mesi, in occasione di un altro blitz anti pedopornografia online è stato arrestato anche un ufficiale della Guardia di finanza.

Ludovica Colli

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Credo che nel mondo questo drammatico e raccapricciante fenomeno sia molto più diffuso di quello che possiamo immaginare anche nella stessa chiesa.

Commenta