Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 apr – È partita oggi la campagna #ioSonoEssenziale, la protesta social di CasaPound Italia, a cui hanno aderito migliaia di lavoratori. Mentre lo Stato si dimentica di diverse categorie produttive, il movimento delle tartarughe frecciate decide di lanciare l’allarme. Sempre più persone vengono messe in serie difficoltà economiche, giorno dopo giorno, da misure restrittive e regioni di colori diversi. Ripartire in sicurezza non solo è possibile, ma è anche fondamentale per togliere la testa da quel cappio economico che spaventa il presente e il futuro degli italiani. Questa mattina sono così apparse sui social, in particolar modo su Facebook e Twitter, migliaia di foto con un cartello su cui è scritto in evidenza #ioSonoEssenziale.



La campagna #ioSonoEssenziale

Questa protesta, assieme alla manifestazione «Io Apro» (a cui CasaPound tuttavia ha solo aderito, e non organizzato), sta accogliendo sempre più sostenitori. Gran parte degli italiani ora si trova in serie difficoltà perché, mentre lo Stato chiude numerose attività, rilanciando eterne promesse mai mantenute, c’è un sostentamento di vita dignitosa da pagare. Il popolo italiano si sta riunendo da tutta Italia, chiedendo di poter tornare a lavorare. Per quanto possa sembrare un paradosso, in quanto dovrebbe essere un diritto garantito dalla Costituzione, questa è la triste situazione.

Il comunicato di CasaPound

Le migliaia di foto con il cartello apparse online – sia messe insieme con collage che pubblicate singolarmente – sono state accompagnate da un comunicato pubblicato anche da CasaPound stessa: «#ioSonoEssenziale, parte la protesta social in tutta Italia. Siamo baristi, camerieri, ristoratori, estetisti, parrucchieri, proprietari di palestre e attività che il governo considera “non essenziali”. Pagare affitti, mutui, bollette è essenziale. Mantenere le nostre famiglie è essenziale. LA NOSTRA VITA È ESSENZIALE». La sensazione è che la politica italiana si trovi in una fase di stallo, come se navigasse a vista e non avesse le idee chiare. Cosa che non si può dire del movimento sovranista che, giorno dopo giorno, si sta dimostrando al fianco degli italiani. Dopo la distribuzione di generi alimentari a Roma in aiuto di 500 famiglie italiane della settimana scorsa, questo è un altro modo in cui CasaPound dimostra il suo disperato amore per il suo popolo.

Alcune foto

Simone Moroni

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Aggiungiamo anche le spese condominiali sul cartello… altre “sorprese” sono in arrivo! Non arriviamoci sempre dopo! Ma qualcuno si rende conto che molti appartamenti (pure definiti e proposti di “pregio”), sono in strutture vecchie con pesanti costi e speculazioni alle porte? Se aspettate che lo dicano gli amministratori di condominio e il capo degli stessi, alias sindaco, stiamo freschi. Ronzano già certi fondi di investimento…, dopo vitalizzi e pensioni a prezzo molto “politico” (alla De Benedetti, per intenderci).
    La logica affitto, quindi mutuo, quindi ipoteca, quindi tutto riciucciato, sempre a max margine possibile è proprio sconosciuta?

Commenta