Il Primato Nazionale mensile in edicola

arrestato Marra RaggiRoma, 16 dic – Raffaele Marra è stato arrestato questa mattina a Roma dai Carabinieri del comando provinciale di via in Selci con l’accusa di corruzione. Fedelissimo di Virginia Raggi ed ex vice capo di Gabinetto della Giunta capitolina a 5 Stelle, ora capo del personale del Campidoglio. Insieme a lui è finito in manette il noto “palazzinaro” romano Sergio Scarpellini. La vicenda che riguarda Raffaele Marra risale al 2013 ed è legata alla compravendita delle case Enasarco, con Marra che avrebbe comprato un’abitazione grazie a 367 mila euro che gli avrebbe dato lo stesso Scarpellini. Come “merce di scambio” Marra avrebbe messo a disposizione il suo ruolo, visto che all’epoca era a capo del Dipartimento delle Politiche Abitative del Comune di Roma. A coordinare l’indagine è il procuratore aggiunto Paolo Ielo, mentre tutt’ora sarebbero in corso perquisizioni in Campidoglio.

Dopo l’avviso di garanzia e le conseguenti dimissioni dell’assessore Muraro di due giorni fa e il blitz di ieri della Guardia di Finanza in Campidoglio per il “caso nomine” (che vede sempre Marra tra i protagonisti, a causa anche della “promozione” di suo fratello Renato), un’altra brutta tegola per il sindaco Raggi. Pesanti potrebbero infatti essere le ripercussioni politiche e in termini di consenso per il MoVimento 5 Stelle, ma l’arresto di Marra potrebbe accentuare i dissidi interni ai grillini. La sua nomina, così come quella della Muraro, sulle quali la Raggi si impuntò, crearono pesanti frizioni e scontri con il mini direttorio romano e anche con lo stesso Beppe Grillo.

La Raggi arrivò a dire rispetto alla nomina di Marra “sia chiaro che senza di lui non vado avanti”, generando anche sospetti, così come per la nomina di Daniele Frongia, che tra la sindaca e l’ex uomo dell’amministrazione Alemanno ci fosse più di un’amicizia. Roberta Lombardi, deputata romana ed ex membro del mini direttorio invece definì Marra “un virus che ha infettato il Movimento”.

Davide Romano

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Col senno del poi aveva ragione la Lombardi a diffidare di Marra ma la Raggi aveva bisogno di una persona esperta per tale ruolo e si è fidata ora ci metta una persona onesta visto che lo slogan ONESTA’ va di moda nei 5 stelle.

Commenta