Home » Roma sempre più favelas, somalo sfregia passante con una bottigliata: in manette per tentato omicidio

Roma sempre più favelas, somalo sfregia passante con una bottigliata: in manette per tentato omicidio

by Cristina Gauri
2 comments
bottigliate

Roma, 7 nov — Mentre le navi Ong assediano i porti italiani desiderose di scaricarci qualche migliaio di disperati che non sapremo dove mettere e come mantenere, nelle città italiane si manifestano gli stadi ultimi dell’iter di «accoglienza»: centinaia, migliaia di immigrati allo sbando e senza nulla da perdere che vanno ad ingrassare le statistiche sulla criminalità del Paese.

Somalo sfregia il collo di un passante con una bottigliata

Uno degli ultimi episodi è accaduto nella nottata tra sabato e domenica a Roma, dove un somalo di 27 anni è finito in manette per tentata rapina aggravata in concorso e tentato omicidio dopo aver aggredito con una bottigliata in testa un uomo e aver sfregiato al collo l’amico della vittima, che era sopraggiunto in soccorso del primo. L’episodio si è verificato in via Lanza, tra la fermata Cavour della metro e Largo Brancaccio.

I carabinieri, dopo aver raccolto le testimonianze dei presenti e delle due vittime, hanno così ricostruito l’accaduto: il somalo, senza fissa dimora e con precedenti, avrebbe tentato di rapinare il 43enne romano con l’aiuto di altri complici, per ora non identificati. Mentre la vittima stava passeggiando con alcuni conoscenti, il gruppo di immigrati li avrebbe sorpresi alle spalle, con una bottigliata in testa. A quel punto il rapinatore avrebbe chiesto al gruppo di consegnare i soldi e gli averi, provocando la reazione di un 48enne che è stato a sua volta colpito da un fendente alla gola con il coccio di bottiglia, che gli ha provocato un profondo taglio. 

La cattura

Proprio in quel momento sono intervenute alcune gazzelle dei carabinieri del Nucleo radiomobile di Roma, allertate da alcuni testimoni, e i soccorsi attivati tempestivamente dai militari. Il somalo è stato intercettato in via delle Sette Sale a poche centinaia di metri dal luogo dell’aggressione: indossava ancora la maglietta sporca di sangue. Per il ferito si è reso necessario il trasporto in pronto soccorso all’ospedale San Giovanni, dove i dottori gli hanno prestato le cure del caso e l’hanno dimesso con una prognosi di 15 giorni. L’arresto dello straniero è stato convalidato e il sospetto è stato tradotto nel carcere di Regina Coeli.

Cristina Gauri

You may also like

2 comments

Roma, sparatoria durante una riunione di condominio: 3 morti - 12 Dicembre 2022 - 5:30

[…] di terrore questa mattina nella città di Roma, più precisamente nel quartiere di Fidene. Un uomo ha ucciso tre donne a colpi di pistola. Presso […]

Reply
Follia ad Arezzo: operaio albanese cerca di demolire la casa del vicino con un escavatore, italiano spara e lo uccide - 6 Gennaio 2023 - 10:31

[…] italiano con l’accusa di omicidio, le stesse forze dell’ordine hanno inoltre sequestrato l’arma utilizzata e i bossoli rinvenuti sulla scena del reato. L’uomo, in attesa di essere interrogato […]

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: