Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 5 set – “Visitare una nuova scuola è sempre una grande gioia, a maggior ragione oggi, perché consegnare una nuova scuola significa consegnare un pezzo di futuro ai nostri ragazzi, e in questo caso si tratta di un pezzo importante”. Con queste entusiastiche parole il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, inaugurò il 5 settembre scorso la scuola comunale “Edmondo De Amicis” di Fiano Romano. Non un edificio nuovo di zecca, ma appositamente restaurato dal Comune laziale con un esborso di 2 milioni e 250mila euro, cospicua cifra in gran parte messa a disposizione direttamente proprio dall’ente locale. Un’opera importante insomma, a lungo attesa dalla cittadinanza che necessitava di una riapertura in tutta sicurezza soprattutto in un momento di emergenza come questo.

Allagamenti e infiltrazioni: scuola chiusa di nuovo

Tutto è bene quel che finisce bene e avanti verso un raggiante futuro? Non proprio, perché la nuova scuola inaugurata esattamente un mese fa dalla Azzolina si è già allagata. Sì avete capito bene – nonostante la costosa ristrutturazione – l’edificio che ospita la gran parte degli oltre 1.500 alunni di Fiano Romano, è stato chiuso di nuovo fino a data da destinarsi per allagamenti e infiltrazioni in diverse aule del plesso scolastico.
Come riportato ieri dal Corriere di Rieti, i genitori degli studenti hanno segnalato ai tecnici del comune l’allagamento della scuola dopo aver notato diverse infiltrazioni su muri e porzioni di soffitto dell’edificio.

Le piogge dei giorni scorsi, ma una della cause potrebbe essere pure il malfunzionamento dell’impianto idrico della struttura, hanno poi peggiorato la situazione allagando parte della scuola che adesso è inutilizzabile. Nel video, girato all’interno della scuola e pubblicato da Tiburno Tv, si vedono corridoi, bagni e aule completamente allagati. “Vergogna. La Azzolina adesso dovrebbe venire qua insieme al sindaco, mio ex alunno”, esclama un insegnante comprensibilmente infuriato.

Alessandro Della Guglia

1 commento

Commenta