Roma, 5 nov – Che Vittorio Sgarbi non sia proprio politicamente corretto è risaputo. Ma ieri deve aver fatto saltare il parrucchino a diversi telespettatori al caviale. In un momento in cui tutta la stampa di sinistra grida al razzismo, il critico d’arte entra a gamba tesa sul caso Balotelli. E lo fa con la sua consueta verve: «Mario Balotelli ha la cittadinanza italiana, ma non è un italiano», ha detto ieri sera Sgarbi ospite in collegamento a Stasera Italia, il programma di Rete4 condotto da Barbara Palombelli.

«Il razzismo non c’entra niente»

Sgarbi, in sostanza, esclude che si possa parlare di razzismo in merito alla vicenda dell’attaccante del Brescia: «Non c’è razzismo vero in Italia. In realtà Balotelli è un nero ricco e quindi ha una sua condizione di assoluta impunibilità. Il razzismo è un’altra cosa: anche Higuain, che non è nero, viene insultato quando sbaglia, Balotelli se fa gol viene applaudito», spiega il critico d’arte. Che poi prosegue: «Si usa la parola “razzismo” per dire una cosa più complessa, e cioè che esistono le razze, che sono le identità. Per esempio, una donna orientale non può essere italiana nella sua tipologia genetica, può essere al massimo di cittadinanza italiana, e un nero la stessa cosa, non è che dobbiamo aver paura della parola».

Fonte: La Gazzetta dello Sport

«Balotelli e la Méndez non sono italiani»

A questo punto una Palombelli interdetta incalza Sgarbi, che continua: «Quando hanno fatto Miss Italia Denny Méndez [nel 1996, ndr], io ho criticato il fatto che Miss Italia non può essere Miss Universo, perché Miss Oriente deve essere orientale. Quindi non dobbiamo aver paura delle parole, la diversità non è una malattia. Io voglio essere diverso, non voglio essere uguale a un altro». Ormai rassegnata, la Palombelli riassume così la posizione di Sgarbi: «Quindi, secondo Vittorio Sgarbi, Mario Balotelli e comunque tutti i ragazzi adottati in Italia, che però non sono nati in Italia, non sono italiani».   

Vittoria Fiore

7 Commenti

  1. Solo gli occidentali sono così idioti da negare che le razze esistano. Se io andassi a vivere in Cina e prendessi la cittadinanza cinese, qualcuno pensa davvero che per questo verrei considerato cinese? Se fossi nato in Africa da genitori italiani, per questo sarei africano? Un negro non potrà mai essere veramente italiano, è una questione di buon senso non di odio razziale.

  2. Il razzismo non c’entra NIENTE. È VITUPERATISSIMO e INNOMINABILE, ma viene OVUNQUE tirato in BALLO. SEMPRE! COMUNQUE! & QUANTUNQUE! E questo perché, anche se i “signori” sedicenti “antirazzisti” lo negano fino al parossismo, il “razzismo” è una sorta di “convitato di PIETRA” . Una presenza che, per quanto SGRADITA, non può essere anullata, allontanata o cacciata. Come tutto ciò che è massimalmente VERO, può essere mutilato, storpiato, deformato, demonizzato, a volte pure CELATO, ma si ripresenta sempre. Come l’ ombra di Banco a Mecbeth! Per la ragione, SEMPLICISSIMA, che i suoi pochi, elementari postulati, basati anche sulla semplice, ma attenta osservazione, per empirici che siano, spiegano sempre TUTTO, nel merito dell’ ARGOMENTO in OGGETTO. E lo fanno in modo chiaro e inoppugnabile, a differenza del BUONISMO e del “POLITICAMENTE CORRETTO”, (CORROTTO! n.d.r.), che hanno bisogno di negare l’ evidenza, di distorcere e storpiare la REALTÀ delle cose, sanzionando chi dissente per ridurlo al silenzio, e di arrampicarsi VISTOSAMENTE sugli SPECCHI….. Tante volte, PURTROPPO! vincendo… Ma senza mai VERAMENTE! CONVINCERE…..

  3. E poi, basta guardare le foto a confronto che corredano il presente articolo. Il volto di Sgarbi, pur visibilmente incavolato ed alterato, è quasi, (e senza “quasi”! n.d.r.), ANGELICO confrontato in “diretta” con il volto semianimalesco del BALUBA, che, pur “disteso” , o “quasi” , comunica ad una persona civile una sensazione di ALLERTA e di, quantomeno, INQUIETUDINE e DISAGIO…..

  4. No caro Sgarbi: Anche se puo’ essere vero che le razze esistono, un italiano puo’ essere di razza caucasica o africana o cinese. In quanto ai “razzisti” basta leggere i commenti qui di Commodo per vedere che in Italia i razzisti esistono della peggior specie (o razza)

    • In quanto agli “italiani”, resi tali con una “leggina” , un tratto di penna ed un timbro, dai BUONISTI “volemocessebbene” , sono i primi a sentirsi, quantomeno, più africani che “italiani” . Quando non nutrono risentimento, livore, odio ed invidia per gli Italiani. Quelli VERI. Sentimenti dovuti al tenore di vita degli Italiani, che questi allogeni vorrebbero ottenere, ma non ottenere timbrando quotidianamente un cartellino e sciroppandosi otto ore giornaliere di lavoro per piu di quaranta anni. NOOOOO! Bensì ciondolando in modo ozioso, quando non molesto e delinquenziale, a qualsiasi ora del giorno e della notte. E certuni, maledetti loro, chi li ha messi al mondo, e tutta la loro discendenza! Hanno pure avuto il coraggio di definirli: “RISORSE”!!!!!

  5. Io non so’ quanti inverni Lei abbia sul groppone, caro commentatore “antirazzista” . Posso solo dirLe che il tanto vituperato “razzismo” de Lei e da quelli come Lei tanto aborrito, aumenterà esponenzialmente ad ogni crimine che i nostri “cari” allogeni commetteranno ai danni di TUTTI noi. E, purtroppo, TUTTI NOI siamo POTENZIALI VITTIME, pur senza CERCARLI e tentando di EVITARLI. Ne arrivano a DECINE tutti i santi giorni. Hanno facce che promettono ben poco di buono. E quel tipo di “promesse” li, vengono, quasi sempre, MANTENUTE. Gli Italiani, se non si mette un VERO FRENO, (meglio uno STOP! n.d.r), a questo ANDAZZO, piaccia a loro, oppure no, dovranno scegliere tra essere “razzisti” ma vivi, (oppure con possibilità di lottare, e, si spera, vincere, o, quantomeno, portare a casa la pelle, n.d.r.), oppure “antirazzisti” e “autorazzisti” incaprettandi, impecorandi & macellandi. Una volta, per lo meno, coloro che erano costretti a gridare: “Ave Caesar! Morituri Te salutant!” Lo facevano con le armi in pugno. I BONGHI e i GRULLHALLAH! sperano di potercelo fare gridare , al loro “dio” negro e fasullo, nudi, legati & incaprettati! A me l’ idea proprio non piace! Se a Lei l’ “idea” le aggrada e la sollucchera….. Auguri…!…..

Commenta