Il Primato Nazionale mensile in edicola

Catania, 31 lug – Brucia la Sicilia con centinaia di incendi soltanto nella zona di Catania: case evacuate, 170 persone salvate via mare, uno stabilimento completamente distrutto. Fin da ieri sono divampati centinaia di incendi nelle zone intorno alla piana di Catania, in Sicilia, sia sulla costa ionica che nell’entroterra. Sono arrivati fino ad alcuni quartieri densamente popolati di Catania, come San Giorgio e Fossa della Creta (entrambi a un paio di chilometri dal centro, qui il video). Ma anche fino al lido la Plaia, a sud della città, dove hanno interamente distrutto lo stabilimento balneare “Le Capannine”.



Sicilia in fiamme, operazioni Vigili del fuoco vanno avanti da stanotte

Le operazioni dei Vigili del fuoco sono andate avanti tutta la notte. Nella mattina di oggi gli incendi sono stati in gran parte limitati o spenti, compresi quelli di Catania che in tutto sono stati circa trenta. Per il momento non ci sono state segnalazioni di persone ferite, ma molte case, villaggi turistici e stabilimenti sono stati evacuati. Incendi anche nei pressi di Palermo e a Siracusa, dove diverse famiglie, per motivi di sicurezza, sono state fatte evacuare dalle loro case. Secondo il comando provinciale dei Vigili del fuoco di Siracusa l’emergenza non è ancora finita. “Il livello di attenzione caratterizzato da elevata pericolosità per il rischio incendi – spiegano dal comando di Siracusa – perdurerà anche nei prossimi giorni“. 

Black Brain

A Catania 170 persone salvate via mare

In due zone marinare di Catania 170 persone bloccate dagli incendi sono state salvate da mezzi navali e personale della Capitaneria di porto. Per fuggire alle fiamme sono scappate sulla spiaggia dove sono state soccorse dalla Guardia costiera prima con dei gommoni e poi trasbordate su motovedette. Sono ancora attivi diversi incendi e le forze dell’ordine faticano a controllarli. Gli incendi alla foce del fiume Simeto, a Catania, hanno bloccato decine di persone che si sono spinte verso la spiaggia per trovare rifugio. Qui sono stati prelevati dalle navi della Guardia costiera e della Gdf. “Abbiamo operato con sei mezzi della Guardia costiera, uno della Gdf, uno dei Vigili del fuoco e un rimorchiatore portuale che adesso, oltre ad essere una piattaforma logistica, sta fornendo anche luce per il trasbordo delle persone”, spiegano dalla Guardia costiera. Finora, per fortuna, non ci sono vittime”.

Roghi in tutto il Sud

Gli incendi, date le alte temperature – anche sopra i 40 gradi – e complice il vento, dopo aver colpito la Sardegna, ora imperversano in tutto il Sud. Nelle ultime 24 ore sono stati oltre 800 gli interventi svolti dai Vigili del fuoco per roghi boschivi: 250 in Sicilia, 130 in Puglia e Calabria, 90 nel Lazio e 70 in Campania.

Ludovica Colli

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta