Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 24 set – Mauro Corona, si sa, è meglio non farlo arrabbiare. Un po’ per l’alto tasso alcolemico che ha in corpo, un po’ per il carattere fumantino che lo contraddistingue, il noto scrittore è una vera mina vagante. Bianca Berlinguer lo sa, ma ha comunque deciso di correre il rischio e di averlo accanto come ospite fisso, visto che l’alpinista di Erto alza comunque il livello di simpatia a Cartabianca, programma altrimenti ingessato e noioso. Ma nell’ultima puntata qualcosa è andato decisamente storto. E tra i due sono volate parole grosse.

Lo scontro tra Corona e la Berlinguer

In diretta tv, Corona ha accennato a un albergo della zona in cui vive, ma la Berlinguer l’ha ripreso, spiegandogli che non si può fare pubblicità a un’attività commerciale. Ripetutamente richiamato e interrotto, Corona alla fine è sbottato: «Se mi vuole qui tutta la stagione, mi fa dire le cose. Altrimenti la mando in malora e me ne vado». Ma la Berlinguer ha continuato a dirgli che non poteva parlare di questo albergo. E allora lo scrittore ha perso definitivamente le staffe: «Da stasera la trasmissione se la conduce da sola, gallina. Stia zitta, gallina!». Naturalmente la conduttrice non ha gradito: «Non posso accettare che lei diventi maleducato e sgradevole, insultandomi mentre conduco la trasmissione. Non si permetta di dirmi gallina». Alla fine della fiera, Corona non ha chiesto scusa, si è alzato e ha abbandonato la diretta.

Guarda anche: Corona ci prova con la Berlinguer: «Lei ha la cellulite? Tiri su la gonna e vediamo» (Video)

La Rai: «Offese sessiste e inaccettabili»

Sull’accaduto si è espressa anche la Rai in una nota: «Il signor Mauro Corona si è esibito in una serie di inaccettabili offese nei confronti della conduttrice. I suoi reiterati insulti costituiscono un’offesa non solo alla dottoressa Berlinguer ma verso le donne in genere. In tal modo il signor Corona ha violato le disposizioni normative e i principi etici volti a promuovere la parità di genere e il rispetto dell’immagine e della dignità della donna». La Rai, insomma, la butta su femminismo e sessismo. «A tali inderogabili principi – si legge sempre nella nota di viale Mazzini – è improntata la programmazione della Rai che pertanto intraprenderà tutte le azioni del caso nei confronti del signor Corona al fine di tutelare l’immagine e la dignità culturale e professionale della conduttrice e il ruolo di servizio pubblico della Rai».

Il video

Vittoria Fiore

Commenta