Roma, 24 nov — Il super green pass è realtà: dopo la riunione della cabina di regia e l’incontro con le Regioni, il Consiglio dei ministri approva il nuovo decreto con le norme che — a detta del governo — dovrebbero contrastare la quarta ondata di Covid. Il provvedimento, varato all’unanimità è una misura durissima, una vera scure sulla testa dei non vaccinati i quali si vedranno ulteriormente limitare le proprie libertà a partire dalla zona bianca, dal 6 dicembre prossimo.



Dove serve il super green pass

Entra in vigore, quindi, il super green pass o green pass «rafforzato» —previsto, cioè, solo a chi è vaccinato o è guarito dal covid da meno di sei mesi —  e l’introduzione dell’obbligo di green pass base — quest’ultimo si potrà ottenere effettuando un tampone con esito negativo — per usufruire dei mezzi di trasporto pubblici. La validità del green pass rafforzato scende da 12 a 9 mesi per i vaccinati, e rimane di sei per i guariti.  Le regole scatteranno il 6 dicembre e resteranno in vigore fino al 15 gennaio. Per ora.

In sostanza, per chi non ha fatto il vaccino saranno vietate tutte le attività sociali, dall’andare al ristorante, al cinema o allo stadio fino all’andare in palestra o a sciare. Chi è in possesso del super green pass potrà entrare in bar e ristoranti al chiuso, palestre, impianti sportivi, cinema, teatri, discoteche, partecipare a spettacoli, feste e cerimonie pubbliche in zona bianca o gialla. Per soggiornare in albergo, entrare negli spogliatoi per l’attività sportiva, usufruire del trasporto ferroviario regionale e del trasporto pubblico locale sarà necessario esibire il green pass base, così come per recarsi sul posto di lavoro.

Vaccinazione obbligatoria: ecco per chi

Dal 15 dicembre entra in vigore l’obbligatorietà della terza dose per il personale sanitario. Sempre dalla stessa data scatta l’estensione dell’obbligo di vaccinazione per personale amministrativo della sanità, docenti e personale amministrativo scuola, militari, forze di polizia, soccorso pubblico.

Mascherina: torna all’aperto in zona gialla e arancione 

Nessun obbligo di mascherina all’aperto in zona bianca, mentre nelle regioni gialle, arancioni e rosse ritorna l’imposizione di indossarla all’aperto e al chiuso. Rimane obbligatorio in tutte le zone portare i dispositivi di protezione indovidiale con sé e indossarli in caso di assembramenti o affollamenti.

Rafforzamento del sistema dei controlli 

Entro 3 giorni dall’entrata in vigore del decreto legge sul super green pass, i Prefetti si metteranno in contatto con il Comitato provinciale ordine e sicurezza. Entro 5 giorni verrà adottato e seguito un nuovo piano di controlli intensivi che coinvolgerà tutte le forze di polizia, le quali saranno tenute a relazionare periodicamente.

I tamponi

Rimane invariata la durata dei tamponi: 72 ore per i molecolari e 48 per gli antigenici rapidi.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteStrage di Waukesha, le vittime salgono a sei: è un bimbo di otto anni
Articolo successivoCome funziona il pronto intervento idraulico: come trovare il migliore
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

10 Commenti

  1. Ecco a cose sono servite le proteste troppo pacifiche con i palloncini, le bandiere, gli accendini, e le canzoncine. La colpa è anche di alcuni finti oppositori. Si chiamano oppofinzione proprio perchè aiuta il governo. invece di cercare(non parlo necessariamente di guerra, ma anche di azioni tattiche e precise) modi che potessero impensierire il governo, per esempio proteste mirate a danneggiare economicamente, con mezzi di sciopero o di blocco attività, determinati settori dell’economia, quando erano 10 milioni di persone! e lo avevamo detto.. nessuno ha mosso un dito! erano tutti a seguire le fesserie che dicevano alcuni santoni! Alcuni hanno fatto manifestazioni, talmente innocue che si capiva che servivano solo per fare pubblicità a se stessi, raccontando un sacco di panzane alla gente.. e facendo monetizzare su youtube. Gli stessi che non ne hanno azzeccata una, ancora hanno decine di migliaia di visualizzazioni.. e non chiedono scusa nemmeno a chi li supportava. Dovrebbero dire almeno, dopo 2 anni che tutti i decreti e leggi passano, con il massimo appoggio di giuristi costituzionalisti, “non siamo stati capaci di difendervi”. Un minimo di umiltà. Zero invece.. continuano a sentenziare con frasi tipo “abbiamo vinto noi” “non lo faranno” ma de chè? scherziamo?
    Intanto il governo, ha sempre tirato dritto, cercando di completare l’opera..
    Alcuni gruppi di pseudo-opposizone, hanno fatto fuori, chiamandoli (estremisti, fassisti, facinorosi) gli unici che almeno si mettevano a rischio per la causa.. Complimenti.
    Lo avevo detto.. nessuna rivoluzione si può vincere con “le rose” mentre ti sparano con i cannoni. (è una metafora). Generalmente non dico che bisogna essere per violenza.. ma dico solo che se si ci vuole difendere, la difesa deve essere proporzionata all’attacco, altrimenti è ovvio che perdi sempre.. Se ti attaccano economicamente? devi fargli capire che hanno qualcosa da perdere sul punto economico anche loro.. per esempio.. in 10 milioni, in Agosto, queste potenzialità esistevano.. ma sono state sprecate, ascoltando i pacifinti del “andrà tutto bene” “la costituzione” “vinceremo noi” “non lo faranno”.
    p.s: è il mio parere personale. Avrei preferito sbagliarmi.. ma dopo 2 anni è la conferma che avevo ragione io dall’inizio.

  2. il ristorante fa bruciare lo stomaco il bar e’ pieno di virus i cinema fanno schifo le palestre le fanno a casa e a sciare e’ pericoloso

  3. Solidarietà militante tra vaccinati e non a fronte del sino-virus rifilato dalla insipienza dei poteri forti, globalisti, contaminatori, negazionisti, folli progressisti del nulla! DIVIDI ET IMPERA…SCELLERATO,INACCETTABILE.

Commenta