parigiParigi, 13 nov.  – Diverse agenzie stampa riportano di almeno 3 sparatorie distinte e alcune esplosioni nella capitale francese. Le prime notizie riportano la morte di più di 150 persone e il ferimento di altre. In molti uccisi in una vera e propria esecuzione alla sala concerti Bataclan, si parla di oltre 100 persone. Bombe allo Stade de France, dove sarebbero morte più di 40 persone. Le sparatorie sono avvenute più o meno contemporaneamente in 3 zone distinte della città: in un ristorante del X arrondissement, nella sala concerti e in un bar entrambi nel XI arrondissement.

Allo Stade de France dove si stava giocando la partita amichevole Francia – Germania sono state udite alcune esplosioni ed è stato vietato agli spettatori di lasciare la struttura.


Il presidente Hollande sarebbe stato fatto allontanare dalla città per questioni di sicurezza. Secondo la rete all news I -Telé uno degli attentatori sarebbe stato abbattuto dalle forze di polizia. L’Isis esulta su Twitter “Parigi brucia!”

Aggiornamenti

Hollande: stato di emergenza, frontiere chiuse

Il presidente Hollande in una conferenza stampa televisiva ha dichiarato lo “stato di emergenza su tutto il territorio nazionale” e la chiusura delle frontiere.
Sempre durante la conferenza ha informato che in questo momento è in corso un assalto delle forze di sicurezza in un sito di Parigi.

Arriva l’esercito

Sono sei le sparatorie accertate, 40 i morti solo allo Stade de France dove sarebbe entrato in azione un kamikaze con 3 granate. In questo momento l’esercito sta convergendo sulla capitale per garantire la sicurezza dato che la polizia parigina fa sapere che gli assalitori sono ancora in strada e invita la popolazione a restare in casa.
Attivato il piano di emergenza contro attacchi multipli “rosso alfa“.

Allerta in Italia

Elevata l’allerta in Italia con particolare attenzione a Milano e Roma. Il Ministro Alfano fa sapere che “L’antiterrorismo è in costante contatto con i colleghi francesi per seguire con estrema attenzione ciò che accade in Francia, anche allo scopo di disporre ulteriori interventi preventivi”.
Convocata per domani mattina una riunione straordinaria del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica che servirà a fare una prima analisi di quanto accaduto a Parigi e a predisporre le misure necessarie per cercare di ridurre al minimo i rischi per il nostro paese.

Bataclan: 100 morti, Isis minaccia l’occidente

Le forze di sicurezza hanno dato l’assalto alla sala concerti Bataclan dove erano trattenuti degli ostaggi, secondo le prime notizie ci sarebbero un centinaio di morti e tre attentatori sarebbero stati uccisi. Dopo la liberazione i reparti del GIGN (Groupe d’intervention de la Gendarmerie nationale, anti-terrorismo) si starebbero dirigendo verso il quartiere di Les Halles dove sono stati riportati altri colpi di arma da fuoco.
Intato l’Isis rivendica su Twitter e minaccia l’occidente “Dopo Parigi, ora tocca a Roma, Londra e Washington” ed il canale Dabiq France, voce francese dello Stato Islamico, afferma che “La Francia manda i suoi aerei in Siria, bombarda uccidendo i bambini, oggi beve dalla stessa coppa”

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here