Roma, 14 ott — Scene da Cannibal Holocaust a Roma dove un malvivente, sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, di è accanito su di un montone con calci, pugni e morsi fino ad ammazzarlo. Si era introdotto nel terreno agricolo di una fattoria di via Tor Bella Monaca, alla ricerca di qualcosa da rubare; ma il proprietario del fondo, allertato da alcuni rumori sospetti, lo ha colto sul fatto. Il folle, probabilmente in preda a un raptus dovuto alla droga, ha sfogato la propria rabbia sul povero ungulato, di fronte allo sguardo inorridito dell’allevatore.

Drogato ammazza un montone a morsi 

Il ladro ha ingaggiato un autentico corpo a corpo con l’animale, dilaniandogli le carni a morsi e prendendolo ripetutamente a calci, finché il montone non è rimasto a terra senza vita. Nel frattempo i vicini del contadino, allarmati dalle grida di quest’ultimo, avevano chiesto l’intervento delle forze dell’ordine: il drogato, vedendoli avvicinarsi ha tentato di darsela a gambe, raggiungendo un casale abbandonato nelle vicinanze della fattoria. Sentendosi braccato e completamente fuori di sé, l’uomo ha deciso infine di lanciarsi dal primo piano della struttura: erba e cespugli hanno fortunatamente attutito il colpo, evitando il peggio al delinquente, che è stato successivamente trasportato all’ospedale in codice rosso. Il fuggitivo ha riportato diverse lesioni alla testa e traumi importanti alla schiena. Le sue condizioni rimangono serie, nonostante non sia in pericolo di vita.

Sotto effetto di sostanze

Niente da fare, invece, per il montone: l’animale è morto, nonostante gli sforzi del veterinario intervenuto immediatamente sul posto. Sul tentativo di furto e sull’uccisione dell’animale indagano ora le forze dell’ordine: l’esito degli esami ematologici condotti in ospedale ha confermato che l’uomo stava agendo sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Nel frattempo si rimane in attesa della perizia psichiatrica, che verrà eseguita nelle prossime settimane, richiesta dai medici.  Le accuse di cui dovrà rispondere sono lesioni aggravate e tentato furto.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Ma quello non vedeva un montone…, ma ben altro. Cosicché attenuanti generiche e fornitore… attenuanti totali.

Commenta