Trieste, 18 ott — Non si ferma la protesta di portuali e manifestanti triestini contro il green pass, nonostante poco fa il Clpt abbia dichiarato sciolto il presidio al varco IV del porto di Trieste. Sfidando le serrate cariche della polizia in tenuta antisommossa, il lancio di decine di lacrimogeni e l’uso degli idranti un gruppo di manifestanti ha infine raggiunto piazza Unità d’Italia.

Trieste, sit-in di manifestanti in Piazza Unità d’Italia

Qui la folla ha improvvisato un sit-in al grido di «Vergogna! Vergogna!» indirizzato alle forze dell’ordine che stanno bloccando gli ingressi della piazza. Scanditi slogan come «No green pass» e «la gente come noi non molla mai». Secondo le testimonianze pervenute al Primato in Piazza Unità d’Italia c’è anche Stefano Puzzer. L’ex leader del Comitato lavoratori portuali di Trieste si sta aggirando con un megafono invitando la gente a rimanere seduta e cantare gli slogan della protesta. Stando a quanto riportato da Ansa Puzzer avrebbe comunicato l’intenzione di indire una breve conferenza stampa per illustrare le azioni da intraprendere.

Trieste, manifestanti in Piazza Unità d’Italia contro il green pass dopo lo sgombero del Varco IV

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta