Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 18 mag – Sembrano promettenti i risultati dei primi test sull’uomo del vaccino contro il coronavirus testato negli Stati Uniti su alcune persone. A comunicarlo è la società statunitense di biotecnologia Moderna. “La ‘fase 1’ dei test clinici – spiega la società – ha mostrato che le persone che si sono sottoposte alla sperimentazione hanno sviluppato anticorpi in modo del tutto simile ai pazienti di Covid-19 che sono guariti”. E’ bene specificare comunque che si tratta dei primi test di sicurezza sull’uomo e il vaccino è ancora in fase di sviluppo. A lavorarci oltre a Moderna è il Niaid, l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive guidato dal virologo Anthony Fauci.

Oggi Moderna ha annunciato anche un piano per un ampio studio clinico già “a luglio”, proprio per dimostrare l’efficacia di questo vaccino. Ma non sono stati forniti ulteriori dati sulle dimensioni e la durata dello studio, una sorta di ‘fase 2’, che sarà decisivo per attestare l’efficacia del vaccino in fase di sperimentazione. Secondo la società Usa in otto pazienti, che sono stati seguiti per circa un mese e mezzo, il vaccino a dosi basse e medie è riuscito a innescare livelli ematici di anticorpi specifici simili o addirittura superiori a quelli riscontrati nei pazienti guariti.

Ma i tempi sono ancora lunghi

“Siamo molto, molto felici perché per prima cosa il vaccino è risultato generalmente sicuro“, ha affermato Stephane Bancel, amministratore delegato di Moderna. Ancora più “eccitante – ha detto ancora Bancel – è stato il fatto di trovare anticorpi in quantità sufficientiper prevenire la malattia nei volontari. La società americana ha utilizzato un farmaco sperimentale, ovvero un’immunizzazione a base di Rna che dovrebbe riuscire a stabilizzare una proteina del Covid-19. In questo modo si dovrebbe generare un meccanismo di difesa per l’organismo umano. Resta il fatto che i tempi per poter utilizzare eventualmente questo vaccino su larga scala sono ancora lunghi, perché al momento è stato testato soltanto su un campione decisamente ristretto di volontari.

Eugenio Palazzini

4 Commenti

  1. Anche voi del primato nazionale pubblicizzate i vaccini della signora bill gates e moglie/drag queen? Invece di fregiarsi di orgoglio nazionale per la cura del plasma… Parlate di vaccini… Siete beceri come tutti gli altri… E ancora fate i conti della serva con i morti da corona NON virus che non ci sono… Fate passare la voglia di “votare” a destra…

    • Massì infatti… ‘Sti “vaccini” sono l’inizio della fine… Ci sta che vengano pubblicizzati da un certo sistema nemico dei diritti umani e che fa sempre più cassa sulla condanna degli altri, ma addirittura ché venga presentato un articolo del genere, senza essere accompagnato perlomeno da un qualche “campanello d’allarme”, o informazioni più dettagliate su “problema” e “cura” (strategia Hegel docet), e sulle considerazioni di studiosi seri come Tarro o Mazzucco… Sembra quasi un regalo (che valorizza l’efficienza dei metodi anti umani e anti costituzionali, art 35, e altri) a Zingaretti, Speranza, Gelmini & Co!
      Che poi anche l’altro utente qua… che c’entrano le draq queen adesso? Sempre a fare minestroni fuori contesto… 🤦🏼‍♀️

  2. Massì infatti… ‘Sti “vaccini” sono l’inizio della fine… Ci sta che vengano pubblicizzati da un certo sistema nemico dei diritti umani e che fa sempre più cassa sulla condanna degli altri, ma addirittura ché venga presentato un articolo del genere, senza essere accompagnato perlomeno da un qualche “campanello d’allarme”, o informazioni più dettagliate su “problema” e “cura” (strategia Hegel docet), e sulle considerazioni di studiosi seri come Tarro o Mazzucco… Sembra quasi un regalo (che valorizza l’efficienza dei metodi anti umani e anti costituzionali, art 35, e altri) a Zingaretti, Speranza, Gelmini & Co!
    Che poi anche l’altro utente qua… che c’entrano le draq queen adesso? Sempre a fare minestroni fuori contesto… 🤦🏼‍♀️

Commenta