Il Primato Nazionale mensile in edicola

fregataRiva Trigoso, 1 apr – All’inizio del mese scorso presso i cantieri Finmeccanica di Riva Trigoso (Ge) è stata varata la nuova fregata classe Bergamini (o FREMM) battezzata “Federico Martinengo” (F-596). L’unità è la settima delle 10 previste di questo tipo e segue il varo, avvenuto due anni fa, della pariclasse “Luigi Rizzo”, che ha effettuato le prime prove in mare a maggio del 2016 e si prevede sia consegnata alla Marina Militare nell’arco di breve tempo.

La nuova FREMM è del tipo GP (General Purpose), come la “Luigi Rizzo” e terza di questo tipo della nostra flotta, ovvero una fregata multiruolo capace quindi di una pluralità di impieghi in vari contesti operativi, anche umanitari. Scelta obbligata per la nostra Marina in quanto per ottenere finanziamenti per il proprio ammodernamento sono necessari questi tipi di compromessi con la politica, sebbene la tendenza delle nuove costruzioni navali di oltreoceano ormai vadano in senso opposto rispetto ad un multiruolo spinto come è quello delle FREMM. La nuova FREMM, dicevamo, è la settima delle dieci unità già commissionate per la nostra Marina Militare ed andrà a sostituire le vecchie classe Maestrale: due di esse, la “Maestrale” e la “Granatiere” restituiranno la bandiera di guerra quest’anno insieme ad altre 4 unità minori (le corvette Minerva, Danaide, Sibilla, Urania).

L’allestimento di questa nuova unità proseguirà presso il cantiere di Muggiano e si prevede che sarà consegnata nei primi mesi del 2018. La “Federico Martinengo” ha praticamente le stesse dimensioni della “Luigi Rizzo”: lunghezza 144 metri, larghezza circa 20, e dislocamento a pieno carico di 6700 tonnellate, ma ci sono alcune novità rispetto alle unità precedenti che riguardano i sistemi elettronici imbarcati: la fregata ha in dotazione per la prima volta il sistema IFF (Identification Friend or Foe) SIR-M5-CA del tipo “phased array attivo” che è visibile al di sotto del radome sferico del radar MFRA sull’ “albero” di prua, in più la nave imbarca un nuovo modello di radar per la ricerca di superficie, lo SPS-732(V2) leggermente diverso e più performante rispetto al modello precedente.

Alla cerimonia era presente, oltre all’Ad di Fincantieri Giuseppe Bono, il Capo di Stato Maggiore della Marina Amm. di Squadra Valter Girardelli che nel suo discorso ha sottolineato la sua preoccupazione per il futuro della forza armata stante la scarsità di fondi a disposizione per i nuovi progetti e la dismissione delle vecchie unità, che, come avevamo già fatto notare anni fa, sta avvenendo piuttosto rapidamente.

Paolo Mauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. Trovo assurdo una fregata per andare a prendere africani. La fregata e’ contro il popolo italiano. Di più trovo assurdo una nuova nave ad una marina famosa al mondo per essersi arresa a discrezione al nemico. Consegnando. Navi. Armi. Equipaggi e bandiere.

  2. …hanno diffuso la colonna sonora del video (ufficiale peraltro) “be happy” con l’equipaggio di “militari” ballerini durante il varo ?

    Non servono più navi grigie alla ex nostra Marina Militare,probabilmente morta assieme al Com. Carlo Fecia di Cossato (1908-1944).

    PS ha presenziato anche l’On.Kyenge ?

  3. Vergognatevi voi ignoranti bigotti anti italiani coglioni ma che commenti da ignorante fate viva la Marina e l italia

Commenta