Roma, 7 lug – Gli archeologi sono tornati sul sito della prima distilleria legale nello Speyside. Una ricerca per scoprire come il whisky scozzese sia passato dal mercato nero delle comunità rurali scozzesi, a una delle maggiori esportazioni del paese. Il sito originale di Glenlivet, in Scozia, gestito dal contadino George Smith dal 1824 dopo aver reso legale la sua operazione di produzione di whisky sotterranea, è stato scavato dagli archeologi del National Trust for Scotland. Il team sta ora lavorando in collaborazione con la distilleria. Il sito si trova a circa un chilometro dall’odierna casa di Glenlivet. Smith la aprì nel 1859 per espandere la produzione di whisky scozzese e sfruttare un maggiore corso d’acqua al largo della collina.

Dalla Grande Depressione alla Seconda guerra mondiale

La distilleria rimase aperta per tutta la Grande Depressione inglese, evento che colpì molte altre distillerie; fu solo durante la Seconda guerra mondiale che la distilleria fu messa fuori servizio per la prima volta, per decreto del governo inglese. All’indomani del conflitto bellico, la Gran Bretagna era fortemente indebitata e aveva bisogno di esportare grandi quantità di merci per guadagnare entrate dall’estero (principalmente dollari statunitensi). 

La distillazione era un’industria ideale con il whisky molto richiesto all’estero. Le restrizioni alla distillazione furono rapidamente revocate e la produzione della distilleria era ai livelli prebellici nel 1947, nonostante le continue limitazioni di orzo, carburante e manodopera. Il razionamento del pane fu mantenuto fino al 1948 per garantire l’approvvigionamento di grano per le distillerie.

Il whisky clandestino nelle Highlands

Il progetto Pioneering Spirit si sta ora concentrando sulla distilleria Glenlivet originale dopo che gli archeologi hanno trascorso mesi a esaminare siti di alambicchi illegali nelle Highlands. “La distilleria su cui stiamo lavorando qui è un bel ponte tra la distillazione illecita su piccola scala e la produzione industriale su larga scala”. A dichiararlo è Derek Alexander, capo dei servizi archeologici di NTS. Il sito di Glenlivet di oggi è modellato sulla distilleria originale di Smith, che è stata allestita nella sua fattoria. A Smiths gli fu concessa una licenza legale di distillazione di whisky scozzese ai sensi dell’Excise Act del 1823, che sanzionava la distillazione per un canone di 10 sterline e fissava il pagamento per gallone di alcol alcolico. Tale era divenuta la sua impopolarità per questo fattore, che acquistò due pistole per difendere la sua proprietà.

I ritrovamenti archeologici

Il signor Alexander ha affermato che lo scopo dello scavo era trovare tracce archeologiche per ogni fase del processo di distillazione. In precedenza, nel sito è stato trovato un pezzo del lucchetto del datore di lavoro con pezzi di canna ora recuperati. “Abbiamo anche trovato il profilo dei camini dove erano posizionati gli alambicchi“, ha dichiarato Alexander. Sono stati inoltre scoperte tracce di solfito di rame, un prodotto di scarto del processo di distillazione. Lo scavo durerà due settimane e sarà assistito da volontari NTS e membri della comunità circostante, compresi gli scolari. Un ottimo modo per insegnare anche ai più giovani l’antica e tradizionale cultura del bere.

Le indagini sul sito

Alexander ha inoltre dichiarato: “È molto più facile scavare in questo sito rispetto a quei luoghi molto più difficili da raggiungere, dove stiamo trasportando la nostra attrezzatura su una pista collinare per forse un’ora e poi in un canalone. Questi luoghi sono abbastanza inaccessibili per loro natura e non così sicuri. “Stavamo usando le stesse tecniche che usavano i funzionari delle gabelle quando erano alla ricerca di immagini fisse illecite. In pratica segui la linea delle ustioni“.

Rischiare la vita per un “goccio” di whisky

Robert Athol, archivista appena nominato per Chivas Brothers, proprietaria di Glenlivet, ha affermato che Smith ha rischiato “la vita e la libertà” per produrre whisky nella sua fattoria. “Il suo coraggio e la sua convinzione non solo hanno definito il percorso per The Glenlivet, ma hanno anche influenzato lo sviluppo dello Scotch whisky in generale“. NTS stima che ci siano almeno 30 alambicchi illeciti nei suoi 129 siti, inclusi Torridon, Kintail, Grey Mare’s Tail e Mar Lodge nell’Aberdeenshire occidentale. Sicuramente non sarà una scoperta eccezionale, soprattutto dal punto di vista archeologico; ma per gli amanti del nettare alcolico, la ricerca di Alexander porterà sicuramente a grandi brindisi in nome di chi difese il diritto di bere whisky scozzese.

Andrea Bonazza

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta