Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 14 apr – Sorprendente Rula Jebreal, che per una volta la dice giusta: “Berlusconi ha indicato due donne ministro, il Pd le usa solo per immagine“.

Rula Jebreal vs Pd loda Berlusconi: “Ha due ministri donne”

Ok, siamo d’accordo: pure un orologio rotto segna due volte al giorno l’ora giusta. E’ successo pure con Rula Jebreal che, intervistata dal settimanale F, spara a zero sulla velleità femminista del Partito Democratico preferendogli, molto prosaicamente, il Cavaliere Silvio Berlusconi: “Sono molto delusa dal Pd: invece di portare avanti le donne in gamba, come la straordinaria Elly Schlein, le usa solo per immagine. Se va avanti così non merita il nostro voto”. Parole dure, ma il bello arriva dopo: secondo Rula Jebreal, infatti “il paradosso è che Berlusconi, tante volte accusato di comportamenti offensivi nei nostri confronti, indicando due ministre ha fatto di più. Enrico Letta ha vissuto a Parigi, in una realtà più emancipata: spero sia più aperto e ci ascolti”.

“Politica? I tempi non sono maturi per me”

Rula Jebreal, dialogando con la vicedirettrice Sara Faillaci, sostiene che non esiste alcuna competizione tra donne, anzi! E’ proprio grazie a una donna – anche se sarebbe più il caso di dire per merito del potente marito di una donna – che ha trovato lavoro in Italia come giornalista: “Devo la mia carriera alle donne: Tina Brown negli Stati Uniti, e in Italia Afef, donna bellissima e di grande intelligenza cui sarò per sempre grata. Suggerì lei al marito Tronchetti Provera, quando era proprietario di La7, di assumermi“. Ma perché sporcarsi con la politica, quando si può rimanere fuori a commentare rimanendo sempre “coerenti” e intonsi? La Jebreal non ci pensa proprio:  “I tempi non sono maturi per una come me, fino a quando non c’è rispetto per persone come Liliana Segre e Laura Boldrini”. Mah, basta ricordare che per la Segre o a “causa” sua è stata istituita una commissione contro l’odio basata su minacce mai registrate, ma va bene. Rula Jebreal in questa intervista è già andata oltre il suo solito seminato fatto di tragedie personali e pece sugli avvversari, non possiamo chiederle troppo.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta