Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 30 ago – Il cantante dei RammsteinTill Lindemann, è stato arrestato e interrogato in Russia: avrebbe violato le norme anti Covid. L’artista si sarebbe dovuto esibire come solista al festival Maklarin For Homeland a Tver, a quasi 200 chilometri a nord-ovest di Mosca. La polizia russa l’ha prelevato dalla sua stanza d’albergo. Fonti locali inoltre riferiscono che anche il manager di Lindemann, Anar Reiband, sarebbe stato fermato dalla polizia.



Il cantante dei Rammstein Till Lindemann arrestato a Mosca: avrebbe violato le norme anti Covid per i concerti

Il fermo del frontman dei Rammstein sarebbe dovuto al fatto che il concerto a Tver avrebbe violato l’attuale divieto imposto dal governo di Mosca riguardo ai raduni su larga scala. Un comunicato diffuso dal sito web del festival afferma che il l’evento avrebbe rispettato le normative vigenti nel Paese che limitano gli eventi all’aperto ad un pubblico di massimo 500 partecipanti. Lindemann peraltro si dovrebbe esibire nei prossimi giorni sulla Piazza Rossa a Mosca nell’ambito del festival Spasskaya Baschnja.

Il manager rischia l’espulsione: visto turistico invece stava organizzando concerti

Il manager dell’artista invece avrebbe mentito sulle motivazioni con cui è entrato nel Paese, esibendo un visto turistico quando in realtà stava organizzando i concerti. Rischierebbe l’espulsione. Al momento lo staff di Till Lindemann, né la band, hanno rilasciato alcuna dichiarazione riguardo all’accaduto. 

Festival cancellato, per l’organizzatore c’entra pure la politica

In rete sono state pubblicate anche alcune immagini dell’interrogatorio in albergo. Secondo altre fonti però Lindemann sarebbe stato condotto in centrale per ulteriori accertamenti. Il festival a cui avrebbe dovuto partecipare è stato cancellato. Anche se le restrizioni relative al Covid risultano la ragione ufficiale delle autorità per bloccare l’evento, l’organizzatore del festival sospetta che la cancellazione dell’evento sia legata alle imminenti elezioni in Russia. L’organizzatore del festival Maxim Larin è un uomo d’affari legato al partito di opposizione nazionalista Rodina (Patria).

Lindemann ha già avuto problemi in Russia

Dal canto suo, il frontman della grande band tedesca ha già avuto problemi in Russia. Alcune settimane fa infatti è stato accusato dall’Ermitage di San Pietroburgo per aver venduto illegalmente Nft (opere d’arte digitali) contenenti foto e video registrati nel complesso museale senza autorizzazione. Tindemann è molto popolare in Russia e il prossimo fine settimana dovrebbe esibirsi nella Piazza Rossa di Mosca in occasione di un festival di bande militari. Non è chiaro se la sua presenza sarà confermata.

Ludovica Colli

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta