Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 nov – I martiri della mafia sono diventati, a pieno e giusto titolo, eroi della nostra nazione. Persone che hanno dato la vita a costo di combattere il germe della criminalità organizzata, la cui prima espressione è stata rappresentata dalla figura dei briganti che, in funzione prevalentemente antisabauda, compivano atti di terrorismo e di vera e propria guerriglia contro i soldati regi. Molti furono i soldati caduti in combattimenti di strada contro questi criminali, uno tra tutti fu Icilio Pelizza.

Il parmigiano garibaldino

La storia di Icilio Pelizza comincia il 10 maggio 1832 a Parma, capitale dell’allora Ducato di Parma e di Piacenza. Nel 1860, però, all’età di 28 anni, Pelizza assistette affascinato all’entrata dell’esercito garibaldino nel capoluogo emiliano. Parma e Piacenza divennero parte integrante del Regno di Sardegna.

Dopo aver ottenuto la promozione ad ufficiale dell’esercito, venne mandato a combattere non per unificare l’Italia ma per mantenere salde e vive le regioni del Mezzogiorno. I partigiani borbonici ed i briganti, infatti, sovvertivano ovunque le regioni più povere del tacco d’Italia. Pelizza, in particolare, operò in Basilicata.

La battaglia di Acinello

Nelle terre lucane venne posto a capo di un manipolo di soldati che aveva il compito di individuare ed eliminare Carmine Donatelli, detto “Crocco”, e Giuseppe Nicola Summa, detto “Ninco Nanco”, due rivoltosi antisabaudi. I rivoltosi, con l’appoggio degli spagnoli, uccisero un gruppo di soldati sabaudi per tentare di avanzare verso punti strategici della regione ionica. Il fine era quello di creare un governo provvisorio e restaurare il Regno delle Due Sicilie.

Icilio Pelizza, pertanto, guidò i suoi soldati al combattimento il 10 novembre 1861 proprio contro i due briganti ed il generale spagnolo José Borjes. Guidò le azioni contro i rivoltosi ma, ad un certo punto – vedendo che la situazione non volgeva dalla giusta direzione – gli alleati lo abbandonarono ed il suo manipolo rimase sguarnito. I soldati sabaudi vennero sterminati e fu proprio Borjes a freddare Pelizza con un colpo di pistola sparato a bruciapelo. Il suo corpo fu profanato e venne decapitato. La salma venne consegnata alle autorità di Corleto Perticara mentre la sua sciabola venne donata al comune di Parma.

Tommaso Lunardi

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta