Da anni, con sempre maggiore frequenza, si parla di «attacco alla famiglia». Il dibattito, però, sembra sterilizzato da una contrapposizione frontale tra i lidi utopici della società aperta e una logica reazionaria che si limita a denunciare lo scandalo, contribuendo a confinare il patrimonio tradizionale nel polveroso anfratto delle cose già estinte. L’ultimo libro dell’Institut Iliade – scritto dall’ottima penna di Pierre de Meuse e tradotto da Passaggio al Bosco Edizioni, con la prefazione di Gianluca Marletta – cerca di riconfigurare il tema nel solco di una necessaria «resistenza comunitaria».

Questo articolo è stato pubblicato sul Primato Nazionale di novembre 2022

Che cos’è davvero la famiglia?

L’incipit è interessante, perché si sofferma sull’analisi del vocabolario: che cosa si intende per famiglia? Indubbiamente, come sempre accade quando si scatena una «guerra delle parole», si è operata una sovversione dei significati, parallela e contingente a quella imposta nel meccanismo sociale.

Famiglia, per molti, non significa quasi più nulla: allargata, simulata, degradata, ricomposta, snaturata e tradita, sembra oggi un’entità liquida dal contenuto variabile, capace di assorbire la mobilità e la ripetibilità di un’epoca fondata sulla dismisura e sulla recisione di ogni legame. Del resto, se una cosa non può essere definita e la si fa coincidere con qualunque altra cosa, non rappresenta più niente: è il medesimo principio per mezzo del quale si chiama «arte» un orinatoio rovesciato o «musica» una traccia trap, paragonandoli alla Cappella Sistina o a Wagner.

Con buona pace dei progressisti, allora, è necessario ribadire un fatto: solo la famiglia biologica, che da millenni si chiama «naturale», merita di essere definita così. Attacco alla famiglia, in tal senso, rappresenta un viaggio interessante nell’evoluzione storica e culturale del nucleo fondante delle nostre società: un percorso lungo millenni, nel cui solco agiscono il clan e il villaggio, la Chiesa e lo Stato, la filosofia e la morale, il mercato e l’individuo, il costume e il diritto. Ponte tra natura e cultura, la famiglia è una…

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta