La guerra russo-ucraina è forse il primo conflitto per il pubblico occidentale completamente «iper-reale», per usare un termine caro al sociologo Baudrillard. L’idea di iper-realtà implica che la realtà fornita dai media – e oggi in particolare dai social – diviene l’unica fruibile per il cittadino-consumatore: alla fine passa dall’essere simulacro a «unica e vera realtà».

Il fucile e lo smartphone

Chiaramente questo processo è, soprattutto nel caso delle guerre, vero da decenni: la casalinga di Voghera ha seguito la guerra del Golfo tramite le dirette di Fede, non leggendo i bollettini militari o telefonando a un amico di Baghdad. Ma con l’arrivo della «comunicazione permanente» legata ai social, questo fenomeno ha preso una dimensione inedita. L’ecosistema social è differente perché immerge in un flusso continuo di informazioni, in un particolare formato che ha precise conseguenze sul piano della costruzione della narrazione.

Questo articolo è stato pubblicato sul Primato Nazionale di giugno 2022

Ad esempio, i social tendono a privilegiare frammenti di informazione molto semplici e una comunicazione continua, e a penalizzare chi sceglie, invece, di comunicare messaggi complessi. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: la guerra viene raccontata con un enorme coacervo di eventi di cronaca, vagamente tenuti assieme da una narrazione estremamente semplificata, manichea e che rifugge spiegazioni lontane o minimamente complesse. Pertanto, il pubblico italiano viene tempestivamente informato di un bombardamento al mercato di Mariupol (senza sapere dove sia Mariupol), ma riguardo alle cause che hanno generato la guerra, o anche solo quel bombardamento, nulla conosce, se non un vago racconto in cui esistono buoni e cattivi, bianco e nero, verità e propaganda e dove, casualmente, gli alleati dell’Occidente sono i buoni, la luce, il bene, mentre gli avversari – nello specifico i russi – il male inemendabile. Plausibilmente in Russia, d’altra parte, accadono le stesse cose a giudizi rovesciati.

Propaganda di guerra 2.0

Questo «ecosistema informativo» nel quale il pubblico è immerso, però, non è neutrale e rispecchia anzi una precisa agenda. Pertanto è estremamente più censurabile e controllabile dei vecchi sistemi comunicativi. Tra coloro che meglio di tutti, per un insieme di ragioni, hanno saputo meglio cavalcare questo nuovo modo di comunicare la guerra, troviamo proprio…

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta