406645_4586201147098_409843433_nRoma, 24 apr – È uscito lo scorso febbraio, pubblicato dall’editore Sellerio, “Il corvo di pietra”, romanzo sulle avventure del giovane Corto Maltese. L’autore è Marco Steiner, pseudonimo di quello che, negli anni ’80, fu il dentista di Hugo Pratt. “Un omaggio a Hugo Pratt e al suo meraviglioso personaggio”, scrive l’autore sul suo sito ufficiale.

Il simbolo del triskele, come stella polare, guida i viaggi del giovane Corto, in questo romanzo ambientato nel 1902, e lo porta dall‘Irlanda a una Sicilia arcaica ed esoterica per poi farlo approdare a Venezia, vera patria di ogni avventuriero, dato che, Venezia, più che una città è un’idea.

Al centro del libro sono tre ragazzi: un irlandese, Corto e Norman Riley, un australiano spaccone. I tre si troveranno per caso a rubare, durante la riunione di una setta segreta, un oggetto misterioso, il corvo di pietra, dietro il quale si cela una profezia: “Tre uomini provenienti da tre isole diverse. Poi servirebbe che ciascuno di loro…”.

Dal romanzo di Steiner emerge il solito Corto padrone di sé, silenzioso, a tratti mistico, ma costantemente al centro di un’avventura. L’eroe creato da Hugo Pratt va sempre ad-ventura, verso le cose future. Eppure Corto è peregrinus ubique non perché lo voglia, ma perché quello di avventuriero è il suo status naturale è il suo numen che lo porta sul mare, tra risse e scazzottate, alla ricerca di tesori o a spiare la riunione di una loggia massonica, di cui conosce benissimo la simbologia. Ed è proprio questo il merito del libro di Steiner: il porre l’accento sulla natura peregrina e ma sempre educata del marinaio. D’altronde lo stesso Pratt, pensando un po’ a se stesso, un po’ al suo personaggio scrisse: “L’avventuriero è sempre visto come uno che non ha le carte in regola, un emarginato, uno così… invece non è vero, perché l’avventura vuole dire avvenire, vuol dire quello che succederà domani”.

Certo, tentare di contrarre un fumetto in un romanzo è cosa difficile. Questo è il limite de “Il corvo di pietra”. Le continue descrizioni paesaggistiche e la pedanteria nella narrazione della squisitezza dei cibi e dei profumi siciliani deviano l’attenzione dalle vicende e dai caratteri dei personaggi. Ciò che nel fumetto viene intuito, qui viene esplicitato: si perde la complicità tra il lettore e il personaggio a causa dell’intervento del narratore.

Ma Steiner, anche se non è un disegnatore, ha conosciuto bene Pratt ed ha compreso l’anima di Corto. Ed ha già concluso un romanzo: “Corte sconta detta arcana” e realizzato una raccolta fotografica di tutti i luoghi in cui sono ambientate le puntate del fumetto di Pratt.

Roberto Guiscardo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here