Il Primato Nazionale mensile in edicola

Oscar 2015Roma, 23 feb – Vince Birdman, perdono Boyhood e American Sniper. E c’è un piccolo posto anche per l’Italia, con la nostra Milena Canonero. Dopo la notte degli Oscar si contano, come di consueto, vincitori e sconfitti.



Tra i primi c’è sicuramente il film di Alejandro Gonzales Inarritu sul percorso di un attore sul viale del tramonto: Birdman si è aggiudicato le statuette per il miglior, miglior regista, migliore sceneggiatura originale e fotografia.

Black Brain

Un successo, insomma, anche se Michael Keaton aveva fortemente sperato di portare a casa anche il premio per il migliore attore protagonista. Il premio è andato invece a Eddie Redmayne per la sua notevole interpretazione del fisico affetto da SLA Stephen Hawking, in la Teoria del tutto. La migliore attrice protagonista è invece Julianne Moore, che si è aggiudicata la statuetta per il suo ruolo di insegnante colpita dall’Alzheimer in Still Alice.

Anche The Grand Budapest Hotel, di Wes Anderson, porta a casa quattro Oscar, compreso quello a Milena Canonero che ha vinto la sua quarta statuetta per i costumi (gli altri Oscar ottenuti dal film di Anderson sono per la colonna sonora, del francese Alexander Desplat, per il makeup e per la produzione). Come miglior film straniero vince il polacco Ida di Pawel Pawlikowski, un film in bianco e nero ambientato nella Polonia comunista degli anni Sessanta.

Fra i delusi spicca sicuramente Boyhood, il film di Richard Linklater sulla crescita di un ragazzo girato in un arco di tempo di 12 anni ma a cui è andato solo l’Oscar per la migliore attrice non protagonista, a Patricia Arquette. Anche American Sniper, di Clint Eastwood, ha dovuto accontentarsi della statuetta per il sound editing.

Giorgio Nigra

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta