Il Primato Nazionale mensile in edicola

gianfelice rocca euroRoma, 17 mar – Euro, austerità, leadership della Germania: quello di Gianfelice Rocca, ottavo uomo più ricco d’Italia, a capo di Assolombarda (la delegazione di Confindustria per Milano e Monza Brianza), erede di una delle più importanti famiglie industriali italiane, è un intervento a tutto campo. E non senza sorprese.

Intervistato dal Financial Times, il presidente di Techint – gruppo multinazionale da 60mila dipendenti che spazia dalla siderurgico all’ingegneria, dall’impiantistica alla sanità – ne ha un po’ per tutti, dimostrandosi aperto anche a soluzioni non proprio nell’ortodossia di un dibattito che in Italia sembra fin troppo ingessato. “L’uscita dall’euro è un’ipotesi al momento indicibile, ma se continuiamo su questa strada la gente comincerà a credere sempre di più che la soluzione sia l’uscita dalla moneta unica”. E fin qui nulla di strano: l’ipotesi di abbandonare l’euro non ha mai trovato l’entusiasmo degli industriali, specie quelli italiani per cui una brutta situazione è pur sempre meglio dell’incognito – anche se questo potrebbe rappresentare la salvezza per la manifattura tricolore. Rocca fa però un passo avanti, dimostrando una discreta dose di coraggio quando spiega che ci troviamo “fra l’asfissia e l’uscita dall’euro”.

Il grande problema, secondo Rocca, è “l’attuale modello di leadership della Germania”, basato sulle imposizione di austerità e rigore di bilancio. “Se l’attuale paradigma [l’austerità appunto, ndr] non dovesse modificarsi – continua Rocca – saremo sempre più vicini al disastro”. D’altronde, sempre secondo il presidente di Techint, senza maggiore flessibilità rischiamo di vanificare quei pochi progressi fatti finora: l’anno scorso abbiamo registrato 0.6% di crescita principalmente grazie al calo nel prezzo del petrolio, mentre i segni della crisi si fanno ancora sentire in profondità.

Ma a questo punto la domanda è un’altra: davvero vale la pena scambiare uno zerovirgola per un altro zerovirgola?

Filippo Burla

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Se l’Italia uscisse dal €, la colpa sarebbe di chi usa giurisdizioni segrete per architettare truffe miliardarie facilitate da alcuni banchieri svizzeri molto abili nel far sparire capitali e farli rientrare come investimenti esteri ed altro…

Commenta