Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 ago – Ancora caos all’aeroporto di Kabul durante le operazioni di evacuazione con altre vittime per la calca di afghani che cerca di raggiungere gli aerei per lasciare il Paese controllato dai talebani. Come se non bastasse, si teme anche una possibile presenza di terroristi dell’Isis. Motivo per cui l’ambasciata Usa a Kabul ha lanciato un appello di evitare la zona dell’aeroporto. Il timore è che i militanti dello Stato islamico possano approfittare del caos per sferrare attacchi contro gli americani e al contempo mandare un chiaro avvertimento ai rivali talebani.



Alta tensione nell’aeroporto di Kabul, ancora vittime per la calca

Nello scalo la tensione resta alta, con almeno tre vittime – ma c’è chi parla di sette – per la ressa di persone che cercano la fuga. Lo riferisce l’inviato di Sky News nella capitale afghana, che ha detto di aver visto tre corpi nel mezzo della folla che continua ad accalcarsi fuori dall’aeroporto. Sono ancora migliaia le persone che a prendere d’assalto gli ingressi all’aeroporto di Kabul, unica salvezza per afghani e cittadini stranieri che cercano di fuggire dal Paese dopo la presa del potere da parte dei talebani. Un testimone ha riferito che colpi d’arma da fuoco continuano ad essere sparati quasi incessantemente fuori dal complesso che ospita lo scalo. L’aeroporto è controllato dai militari Usa, che decidono quando e come aprire e chiudere i cancelli di ingresso e i tempi non sono prevedibili. Gli altoparlanti all’ingresso nord hanno annunciato che il gate resterà chiuso per due giorni, riporta un testimone.

Rischio attentati da parte dell’Isis

L’ambasciata americana a Kabul ha chiesto ai suoi connazionali di non recarsi all’aeroporto della capitale, dove la situazione della sicurezza è in progressivo deterioramento. Soprattutto per il rischio di attentati da parte dell’Isis, secondo quanto riferiscono fonti della sicurezza statunitense citate dal New York Times, che la definiscono la minaccia attuale più seria. Infatti nell’ultima riunione del presidente Usa Joe Biden con il suo team della sicurezza nazionale, la Casa Bianca ha riferito che si è parlato di operazione antiterrorismo anche contro Isis-Khorasan, nome del ramo afghano dello Stato islamico.

“A causa di potenziali minacce alla sicurezza a ridosso degli ingressi dell’aeroporto di Kabul, consigliamo ai cittadini americani di evitare in questo momento di recarsi all’aeroporto e alle uscite dell’aeroporto a meno di non aver ricevuto istruzioni personali da rappresentanti del governo americano”, si legge su una allerta diffusa dall’ambasciata americana a Kabul.

Ponte aereo, altri 211 afghani atterrati a Roma

Sul fronte delle evacuazioni, altri 211 afghani tra ex collaboratori e loro familiari, evacuati da Kabul via Kuwait City nell’ambito del ponte aereo organizzato dalla Difesa, sono giunti stamattina in Italia. E’ atterrato poco dopo le 7 all’aeroporto di Fiumicino il Boeing KC767 dell’Aeronautica militare. Ultimata la profilassi sanitaria anti Covid, i rifugiati verranno successivamente trasferiti con pullman dell’Esercito presso strutture a loro dedicate. Per l’operazione Aquila Omnia, pianificata e diretta dal Comando operativo di vertice interforze (Covi) comandato dal generale Luciano Portolano, la Difesa ha messo in campo otto aerei. Quattro KC767 che si alternano tra l’area di operazione e l’Italia e altrettanti C130J, questi ultimi dislocati in Kuwait da dove parte il ponte aereo per Kabul.

L’Europa si prepara a fronteggiare l’arrivo dei profughi

L’Europa, intanto, si prepara a fronteggiare l’arrivo dei profughi. “Aiutare è una responsabilità morale, non solo quanti arrivano, ma anche chi resta nel Paese. Stiamo lavorando per aumentare gli aiuti umanitari. Per il 2021 avevamo pianificato un pacchetto da 57 milioni, ma dobbiamo incrementare. Presto faremo una proposta“, ha annunciato la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen. L’occasione è la visita in Spagna insieme con il leader del Consiglio Ue, Charles Michel, e l’Alto rappresentante, Josep Borrell, all’hub che ospita i collaboratori afghani delle istituzioni europee evacuati da Kabul. L’emergenza dei potenziali flussi dal neo Emirato islamico sarà affrontata anche dal G7 della prossima settimana, quando la von der Leyen rivolgerà un appello ai Paesi affinché aumentino le quote a disposizione per reinsediare i più vulnerabili attraverso percorsi sicuri.

Ludovica Colli

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. […] Ieri l’ambasciata degli Stati Uniti in Afghanistan ha consigliato ai cittadini Usa di evitare di recarsi all’aeroporto. Questo a causa di “potenziali minacce alla sicurezza” dopo che migliaia di persone hanno tentato un nuovo ingresso in aeroporto, spaventate dagli spari che si sentivano costantemente intorno alla struttura. A preoccupare gli Usa è la possibilità di attentati da parte dell’Isis. […]

Commenta